Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Il libro che non c’è, scala le classifiche americane

Postato da on lug 14th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Altro che Dan Brown, John Grisham o Arthur Golden, John Green è ormai lo scrittore del momento su internet: in pochissimo tempo ha scalato le classifiche più importanti. E’ primo su Amazon e anche su Barnes&Nobles, la catena di libri più grande degli States. Il suo libro “The Fault in Our Stars” piace molto ai lettori americani. Peccato che nessuno in realtà lo abbia ancora letto ed è un mistero come abbia fatto a scalare le classifiche più importanti degli Usa. Nessuno lo ha letto non perché il libro non interessa, anzi, la scalata delle top ten dimostra il contrario. Nessuno può averlo avuto tra le sue mani per il semplice fatto che il libro di John Green nemmeno esiste ancora. John Green ha appena cominciato a scrivere il suo libro. Non sa nemmeno quando, se e come lo finirà. Eppure all’improvviso si è trovato primo nelle classifiche. Tutto grazie come sempre negli ultimi anni ad internet ed in particolare ai social network. Lo scrittore ha pensato bene di usare i social network per la promozione di quello che sarà il suo prossimo libro, “The Fault in Our Stars”. Qualche tempo fa con il fratello ha creato un progetto online, che si chiama Brotherood 2.0: i due si sono parlati per un anno attraverso videoblog, creando la curiosità della rete. Su Twitter ha ottenuto qualcosa come un milione e centomila fan, che sono 62mila su Facebook, 526mila su Youtube e 60mila su Nerdifighters.com.
Su questi nuovi strumenti social ha prima pubblicato un messaggio: “Ecco il titolo del mio nuovo libro“. Poi, dopo un po’, un altro: “Firmerò tutte le preordinazioni“. Dopo qualche minuto, ha pubblicato su Youtube un video nel quale parlava del suo progetto e raccontava la trama del suo libro, chiedendo ai suoi amici virtuali di aiutarlo a realizzarne la copertina.
Grazie a questa comunicazione “sociale”, in breve tempo il suo libro che ancora non c’è è salito al primo posto di Amazon, che aveva già ottenuto titolo e nome dell’autore dall’editore di John, che scrive già libri per bambini, non è alla prima esperienza. Potere della rete…


Leggi Ancora

Lascia una risposta