Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Il Ministro Galan confonde i pomodori pachino con gli Ogm

Postato da on set 7th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

“Gli ogm vanno affrontati lasciando perdere le ideologie e analizzando il problema con illuminismo (…) Non so se sia vero, ma mi dicono che il pomodoro pachino è stato creato in Israele e poi impiantato in Sicilia (…)”

Questa la dichiarazione del Ministro delle Politiche Agricole Giancarlo Galan durante un suo intervento in merito agli organismi geneticamente modificati. Immediatamente sorge spontanea una domanda: che c’entra il pachino con gli ogm?

Interrogativo che deve essersi posto lo stesso ministro subito dopo aver preso coscienza dell’enorme gaffe fatta, se attraverso una nota ufficiale ha poi ritrattato le sue affermazioni sostenendo:
una qualche qualità di pomodoro studiata in laboratorio in Israele, il che non vuol dire pomodoro Ogm, ha attecchito in modo particolare nella zona di Pachino.

Il pachino nasce dall’incrocio di diverse specie di pomodori, ma il suo accostamento ad esperimenti tesi a modificare geneticamente i prodotti suonava davvero male. E non hanno mancato di rilevarlo esperti del settore. Sergio Marini,  Presidente nazionale di Coldiretti, ha sottolineato come simili errori di comunicazione creino danni all’immagine di genuinità del nostro Made in Italy.

Duri anche i commenti del Consorzio di tutela del pomodoro di Pachino lgp e del Sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia, il quale ha ribadito: “Il ministro, anziché aiutare la serricoltura e l’ortofrutta, finisce per infierire ulteriormente, sul settore, attraverso frasi infelici, e ad infliggere colpi mortali a un comparto già profondamente in crisi.”

Fonti: Ecoblog


Leggi Ancora

Lascia una risposta