Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Il ruolo delle alterazioni della proteina p53 nell’insorgenza del tumore

Postato da on mag 25th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Mercoledì 25 Maggio 2011
ore 12.30
Roma, Campidoglio
Sala Pietro da Cortona

Riuniti a Roma i massimi esperti dei più importanti centri di ricerca biomedica.
Presentazione dei risultati alla stampa in Campidoglio.

p53 è il gene identificato oltre 30 anni fa e che nel 1989 è stato riconosciuto come molecola che ha il compito di “vincere” e distruggere le cellule tumorali.
p53 in qualità di gene soppressore dei tumori svolge diverse funzioni di protezione delle cellule contro la trasformazione tumorale: si attiva ogni volta che le nostre cellule subiscono un danno, ferma la divisione delle cellule e consente la riparazione del DNA. Se il danno è grave, p53 viene “super-attivata” e le cellule irreparabilmente danneggiate muoiono per apoptosi, grazie al cosiddetto suicidio cellulare. In pratica il tumore si può sviluppare solo se la proteina p53 viene inattivata o mutata, e non può svolgere il suo ruolo protettivo.

L’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ha riunito per la prima volta a Roma i principali studiosi di p53 provenienti dai più importanti centri di ricerca biomedica come Weitzmann Institute, Karolinska Institute, International Agency for Research of Cancer, MD Anderson e molti altri prestigiosi centri universitari del mondo.
I principali temi trattati sono : gli studi sull’intera sequenza della proteina; i recenti test clinici messi a punto dai ricercatori del Karolinska Institute di Stoccolma per ristabilire le funzioni oncosoppressive di p53.
Gli atti del Congresso saranno pubblicati sulla rivista “Cancer Research” organo ufficiale dell’American Cancer Association.

In uno stretto connubio tra arte e scienza gli esperti sono già al lavoro nello splendido scenario di Palazzo Chigi ad Ariccia, mentre domanimercoledì 25 maggioterranno l’ultima sessione nella Sala Pietro da Cortona nei Musei Capitolini, dove alla fine dei lavori, alle 12.30, i membri del comitato organizzatore presenteranno alla stampa i risultati del “V Congresso Internazionale sul ruolo della proteina p53 nell’insorgenza del tumore”.
A seguire cocktail sulla terrazza Caffarelli e alle 15.00 visita guidata ai Musei Capitolini.


Leggi Ancora

Lascia una risposta