Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Il Vaticano si apre alla possibilità di una vita aliena

Postato da on nov 11th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Si è appena conclusa un’intensa settimana di studi di astrobiologia, promossa dalla Pontificia Accademia delle Scienze e dalla Specola Vaticana, a cui hanno partecipato fisici, chimici, astronomi e biologi provenienti da tutto il mondo. Obiettivo dei ricercatori era indagare l’origine della vita e la possibilità dell’esistenza di vita extraterrestre, questioni dalle innumerevoli implicazioni filosofiche e teologiche. Nella conferenza stampa tenuta ieri presso l’ufficio della Santa Sede, si è finalmente dichiarato che cercare forme di vita fuori dalla Terra ha un senso, anche se per ora non ve ne é alcuna prova. Il direttore della Specola Vaticana, il gesuita Josè Funes, ha sottolineato la necessità di approfondire questi temi, dichiarando che meritano una seria considerazione. Le conseguenze di un ipotetico incontro con un’altra forma di vita intelligente sarebbero, secondo il professore americano Chris Impey, molto profonde per la nostra auto-immagine:  è dunque importante che un confronto su questo argomento di  confine avvenga all’interno della Pontificia Accademia delle Scienze. Nonostante le motivazioni e le metodologie tra scienza e religione possano differire, entrambe considerano la vita come la massima espressione di un universo vasto e in gran parte inospitale. E’ fondamentale, quindi, che il dialogo tra chi studia l’astrobiologia e chi cerca il significato dell’esistenza all’interno di un universo biologico, resti sempre aperto.

Fonte catholic.org


Leggi Ancora

Lascia una risposta