Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

In guerra anche lo stupro diventa un’arma

Postato da on apr 15th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

map_of_democratic-republic-of-congoRepubblica democratica del Congo. Suona strana questa definizione per un territorio in cui è ancora incandescente il clima che si respira; disordini e gruppi armati sono all’ordine del giorno, mille gli episodi di dignità calpestata. Nella sola provincia del Sud Kivu nell’ultimo anno sono stati registrati 5000 stupri e, come se non fosse già abbastanza, la maggior parte di essi compiuti da uomini in gruppo e armati. Secondo un’indagine condotta dalla ong Oxfam, infatti, circa il 60% degli abusi avvengono ad opera di gruppetti di guerriglia e spesso all’interno delle abitazioni stesse delle donne.

La Bbc rileva, infatti, che lo stupro viene utilizzato come strumento di guerra per punire i civili.

La Oxfam ribadisce la necessità che le forze Onu permangano in Congo, dato il bassissimo livello di sicurezza nel paese.

Fonti:  Apcom


Leggi Ancora

Lascia una risposta