Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Incontro pubblico al CAM di Monza su “Depressione perinatale, mamme lombarde meno sole”

Postato da on feb 28th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

La Lombardia è in prima linea contro la depressione perinatale che in Regione colpisce circa un quarto delle donne in gravidanza e il 15% nel post-partum e che spesso non viene riconosciuta né trattata. I motivi? Il timore di conseguenze sul feto, quando è invece dimostrato che proprio i bambini nati da donne con depressione sono più a rischio di essere agitati, irritabili, di manifestare carenze nelle attività e nell’attenzione. Molto frequentemente, inoltre, questo fenomeno resta nascosto per il senso di vergogna, di colpa e di inadeguatezza di chi ne soffre in un momento che dovrebbe essere tra i più felici della vita. Per questo il CAM Centro analisi Monza – con il patrocinio di O.N.Da (Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna) che ha promosso anche una campagna istituzionale attraverso il sito ‘depressionepostpartum.it – ha organizzato un incontro pubblico dedicato alle mamme che si terrà il 2 marzo alle 19,45 nella sede di viale Brianza a Monza. La partecipazione all’evento è gratuita ma è obbligatoria la prenotazione al n. 039/2397267.

Interventi di Maurizio Biraghi (Comitato Scientifico CAM), Francesca Merzagora (Presidente O.N.Da), Claudio Mencacci (Dipartimento di Neuroscienze Ospedale Fatebenefratelli di Milano), Gabriele Urban (Ginecologo all’AO Desio e Vimercate e Specialista CAM), Barbara Pucci (Psicoterapeuta al San Gerardo di Monza) e Patrizia Vergani (Università Milano-Bicocca).

“Prevenire la depressione perinatale oggi è possibile – spiega il dr. Mencacci – perché conosciamo i fattori di rischio e di protezione; poterlo comunicare alle neomamme e alle neo coppie diventa una assoluta priorità per consentire di vivere questo periodo in modo felice. Ogni anno in Italia sono circa 90 mila le donne che ne soffrono e di loro soltanto il 45% riceve un aiuto efficace, che si concretizza nell’ascolto, nel sostegno e nell’adeguatezza delle cure. Ad oggi la ricerca ha consentito di individuare molteplici fattori di rischio offrendo la possibilità di interventi efficaci in grado di individuare e monitorare le donne a rischio e di intervenire prontamente con trattamenti adeguati. Per la prima volta in Italia si parla di prevenzione della depressione”. “Per questo – continua Francesca Merzagora – O.N.Da ha deciso di occuparsi in maniera concreta di questa problematica sostenendo una Mozione parlamentare per sensibilizzare la popolazione italiana, attivando una campagna attraverso i social network e con un sito internet dedicato www.depressionepostpartum.it”. “Dal 1970, anno di nascita della struttura – conclude il dr. Biraghi – diamo impegnati quotidianamente a diffondere la cultura della prevenzione in medicina. Per queste ragioni abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di O.N.Da, di offrire anche al nostro territorio un’occasione di riflessione e confronto su una tematica così delicata”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta