Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Italian Baseball League, Cariparma è terza

Postato da on giu 21st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

E’ il Cariparma la terza forza della Italian Baseball League. Con il successo sulla Telemarket Rimini i Campioni d’Italia restano infatti da soli al terzo posto. E’ presto per cantare vittoria, visto che lo stesso Rimini e Nettuno sono ad una sola lunghezza, però la vittoria nella serie dà alla squadra di Gerali anche la certezza del vantaggio negli scontri diretti con i Pirati romagnoli. Parma brilla come sempre per la forza del gruppo e il contributo che sanno dare alla causa i giocatori di scuola italiana, decisivi nei ducali come in nessuna delle altre contendenti. Lo dimostra il tabellino della gara di sabato notte: Roberto Corradini ha concesso appena 4 valide in 7 riprese e Davide Dallospedale ha spinto a casa 2 punti e ha segnato il terzo.
La forza del gruppo è quello che sembra mancare alla Telemarket, che come valore tecnico che mette sul campo non è certo inferiore, ma le sue potenzialità riesce raramente a rifletterle negli scontri con le altre aspiranti alla post season.
Davanti al Parma ci sono le apparentemente inarrestabili Unipol Bologna e T&A San Marino. I Campioni d’Europa se la dovevano vedere con un’Elettra Novara che fino qui ha vinto solo 2 partite. La loro tripletta, insomma, era facilmente prevedibile. San Marino invece la tripletta l’ha ottenuta contro un Montepaschi Grosseto in piena lotta per entrare nella post season. Il divario è stato netto e ora i maremmani scivolano al sesto posto, a 3 gare dal Parma e 2 dalla coppia formata da Rimini e Nettuno.
La Danesi Nettuno ha conquistato a sua volta la tripletta contro i De Angelis Knights, ma per farlo ha dovuto soffrire fino all’ultimo, facendo ricorso per vincere alle sue ben note doti di grinta. Che Nettuno dovesse soffrire per segnare punto contro i migliori lanciatori, specie con Camilo a mezzo servizio e Peppe Mazzanti utilizzabile solo come pinch hitter, era evidente. Che i suoi pitcher di scuola italiana concedessero 18 valide ai Knights, che prima di questo turno ne battevano di media 6 a partita, non lo poteva prevedere nessuno e certo sabato notte questa cifra  ha fatto suonare un campanello d’allarme per il manager Ruggero Bagialemani.
Da giovedì 23 giugno (la prima partita sarà trasmessa in diretta da Rai Sport Due) a Grosseto il Montepaschi ospita la Danesi Nettuno per una serie di vitale importanza per entrambe le  squadre tirreniche.


Leggi Ancora

Lascia una risposta