Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

L’esclusivo allestimento del “Sogno di una notte di mezza estate” di George Balanchine apre il Festival di Bolgheri Melody a Castagneto Carducci (Li)

Postato da on lug 8th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Metti sullo stesso palcoscenico il talento internazionale del Corpo di Ballo della Scala, il genio di George Balanchine e il “suo” Sogno di una notte di estate e il risultato non potrà che essere uno soltanto: la magia. Il grande balletto apre sabato 9 luglio (inizio ore 21,30) il sipario sulla stagione di eventi ed appuntamenti di Bolgheri Melody che porterà, sul palcoscenico dell’Arena Mario Incisa della Rocchetta, tra luglio ed agosto (info programmi e prezzi su www.bolgherimelody.com), star nazionali ed internazionali del calibro di Gianna Nannini, Bryan Ferry, Modà, Giorgio Panariello, Raphael Gualazzi, Susanna Rigacci&Friends, l’imponente allestimento dell’operetta La Vedova Allegra e la prima mondiale del Maggio Danza The Genesis Tribute ideata esclusivamente per il palcoscenico di Bolgheri.

Dinnanzi ai giganti giovinetti di carducciana memoria di fronte a San Guido di Bolgheri, il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala diretto dal Maestro russo Makhar Vaziev (musiche di Felix Mendelssohn-Bartholdy) in una delle rare occasioni per ammirare, fuori dal tempio della Scala (solo altre 2 le date in Italia questa estate), una delle più fortunate ed applaudite produzioni scaligere e la più prestigiosa ed importante istituzione della danza mondiale.

Il Sogno di una notte di mezza estate di Balanchine e il Balletto della Scala hanno un destino internazionale indissolubilmente legato: con questo balletto la compagnia scaligera ha fatto davvero il giro del mondo, e grazie all’allestimento e all’interpretazione scaligera, il “Sogno” balanchiniano è tornato a vivere più splendente e coinvolgente che mai: non un restauro – è stato detto –  ma quasi una rinascita, dalla sua prima rappresentazione nel 1962 a New York.

Merito senz’altro va prima di tutto alla sapienza e alla assoluta genialità di George Balanchine, tale da concepire quasi due balletti in uno (il primo atto, narrativo, in cui si sviluppa la vicenda shakespeariana e il secondo, un lungo divertissement esemplare della più pura tecnica balanchiniana, fatta di assoluta musicalità e perfezione geometrica). Ma anche l’allestimento realizzato da Luisa Spinatelli per la produzione scaligera (che detiene i diritti del “Sogno” in esclusiva europea) ha dato nuova freschezza a questo balletto, freschezza alla quale hanno contribuito in egual misura gli artisti del Corpo di Ballo, accolti dovunque con grandissimo successo, che grazie alle due anime del “Sogno” hanno potuto far apprezzare sia la propria preparazione tecnica sia le proprie capacità  teatrali e interpretative.

E così, dal 2003, anno in cui è stato presentato in prima europea al Teatro alla Scala,  Sogno di una notte di mezza estate è stato il biglietto da visita della compagnia scaligera in moltissime tournées italiane e internazionali: al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, l’Anfiteatro di Aspendos in Turchia, il Teatro di Erode Attico ad Atene, l’Anfiteatro di Larnaka a Cipro, i Teatri Municipali di San Paolo e Rio de Janeiro in Brasile, l’Auditorio Nacional di Mexico City, nel corso della prima tournée del Teatro alla Scala in Cina (Hong Kong, Tianjin, Pechino, Shanghai) e ad Aalborg, in debutto per la Danimarca. A Bolgheri, in scena, anche i giovanissimi talenti selezionati dalla Fondazione Teatro Goldoni, in tutto 24, che interpreteranno la parte dei piccoli elfi.

In scena i primi ballerini e i solisti che hanno rappresentato nel mondo questa produzione, ma anche i nuovi interpreti che per la prima volta, nelle recenti recite scaligere e nelle ultime trasferte, hanno rivestito i ruoli principali:  (Titania), Antonino Sutera nel ruolo di Oberon, Eris Nezha nel ruolo del Cavaliere di Titania; Maurizio Licitra (Puck); Mariafrancesca Garritano (Ippolita). Nel ruolo degli amanti, Emanuela Montanari (Elena), Sabrina Brazzo (Ermia), Massimo Dalla Mora (Demetrio), Alessandro Grillo (Lisandro). Il ruolo di Bottom sarà affidato a Matthew Endicott.


Leggi Ancora

Lascia una risposta