Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

L’occupazione nel Lazio II trimestre 2011 A cura del Centro Studi su dati Istat

Postato da on ott 5th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Nel secondo trimestre dell’anno in corso le forze di lavoro in Italia (25,041 milioni) sono diminuite dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2010. Inoltre, nel periodo osservato, il numero degli occupati (23,094 milioni) cresce dello 0,4%, mentre il numero di persone in cerca di occupazione (1,947 milioni) cala del 7%.

Nello stesso periodo, si assiste ad un calo sia del tasso di attività (-0,4 punti percentuali), che scende a 62,1%, sia del tasso di disoccupazione, che si attesta al 7,8% (-0,6 punti percentuali). Inoltre, il tasso di occupazione resta stabile al 57,2%.

È in crescita dell’1,4% il numero di inattivi 15-64 anni (15,017 milioni) ed il tasso di inattività, a livello nazionale, si porta al 37,9%, aumentando di 0,4 punti percentuali.

 

L’offerta di lavoro nel Lazio (2,477 milioni) contribuisce al 9,9% delle forze di lavoro in Italia e fa segnare una contrazione dell’1,4% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno.

A livello regionale, in controtendenza con l’andamento nazionale, gli occupati nel Lazio (2,297 milioni) calano dello 0,4%, tuttavia le persone in cerca di occupazione (180 mila) diminuiscono del 12,2%, facendo osservare una diminuzione più ampia del Paese. Il numero di inattivi 15-64 anni (1,323 milioni) cresce ad un ritmo più sostenuto del dato nazionale, aumentando del 3,8%.

Infine, nel periodo considerato, si contraggono sia il tasso di attività della regione (64,8%)  sia il tasso di occupazione (60%), facendo rilevare rispettivamente diminuzioni di 1,1 e 0,4 punti percentuali. È in calo anche il tasso di disoccupazione (7,3%), che scende di 0,9 punti percentuali, mentre il tasso di inattività (35,2%) aumenta di 1,1 punti percentuali.


Leggi Ancora

Lascia una risposta