Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

La legge sullo scudo fiscale mette a rischio molti procedimenti in corso

Postato da on set 30th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Parlamento

Parlamento

In Italia dopo l’indulto e la legge sullo scudo fiscale perseguire i reati economici è diventata un’operazione difficile, tanto più che gli intermediari , come ad esempio le banche non hanno nemmeno l’obbligo di segnalare le operazioni sospette, come il riciclaggio. Tra l’altro la legge sullo scudo fiscale non aiuta, infatti i magistrati non riescono a capire quando si possa parlare di procedimento in corso. E’ sufficente una notifica  oppure è necessario il rinvio a giudizio? A rischio l’inchiesta aperta su oltre 500 persone che avrebbero occultato più di 1 miliardo di euro. Se entrasse in vigore la legge sullo scudo fiscale, lo Stato potrebbe riscuotere solo il 5 % dei capitali. Al contrario se si potesse procedere con un’operazione tributaria, si potrebbe recuperare il 44% in più dei capitali, verrebbero inoltre applicate delle sanzioni che ammonterebbero al 200-400% dei capitali evasi. Se lo scudo avesse dispiegato pienamente i suoi effetti, i magistrati avrebbero potuto fare effettivamente poco e aziende come la Finivest/Mediaset non si sarebbero potute perseguire. La lista delle Aziende che l’avrebbero fatta franca con la legge sullo scudo è lunga, ma il problema ora è che alcune indagini su estroversioni, le società che hanno la residenza all’estero, ma che di fatto lavorano in italia, potrebbero decadere.

Fonte repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta