Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

La Roma sprofonda a Basilea

Postato da on set 18th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Contrasto tra Streller e Burdisso

Contrasto tra Streller e Burdisso

BASILEA – Claudio Ranieri si aspettava conferme dalla trasferta a Basilea, primo impegno della fase a gironi di Europa League, dopo i segnali di risveglio (anche se parziali) intravisti a Siena. Ecco perché è comprensibile la sua delusione dopo la sconfitta (0-2) sul campo svizzero, al termine di una prova infarcita di amnesie difensive, imprecisioni in varie zone del campo ed errori. “Abbiamo disputato una brutta partita”, ammette a caldo il tecnico capitolino, visibilmente contrariato dall’atteggiamento dei suoi, contro un avversario non trascendentale, anche se imbottito di stranieri (molti sudamericani). Sarà probabilmente anche una questione di approccio mentale per un gruppo che sino a pochi mesi fa era in Champions, però sul piano della condizione atletica diversi giallorossi sono sembrati indietro. La stagione è ancora agli inizi, però si pensava che la vittoria a Siena avesse spazzato via le preoccupazioni. Così non è e Ranieri dovrà lavorare non poco.

Il tecnico romanista schiera una formazione più offensiva rispetto a Siena, con la coppia d’attacco Totti-Baptista e Menez alle loro spalle, ma dopo una decina di minuti il Basilea sblocca la gara: un pasticcio in disimpegno al limite fra De Rossi e Pizarro consente a Carlitos di scaricare un destro chirurgico che non dà scampo a Julio Sergio. La reazione giallorossa è immediata e fa ben sperare, specie quando da fermo Totti colpisce la faccia superiore della traversa. Ma il capitano sarà pericoloso solo su calci piazzati e i compagni anziché concludere in porta cercano dribbling di troppo e finezze improbabili. E già sul finire di tempo la Roma si smarrisce, rischiando di capitolare di nuovo.

Neppure l’ingresso di Guberti per Menez a inizio ripresa, poi quelli di Tonetto e Vucinic riescono a scuotere la squadra, al Basilea basta difendersi con ordine e ripartire. E nel finale, con i giallorossi sbilanciati, proprio un contropiede di Almenares (difesa romanista impreparata) fa esplodere lo stadio elvetico per una vittoria insperata. Totti e compagno dovranno ritrovarsi al più presto: incombe la sfida con la Fiorentina.

BASILEA-ROMA 2-0

BASILEA (4-4-2): Costanzo 6; Inkoom 6.5, Abraham 6, Atan Cagdas 6, Safari 6; Carlitos 7, Cabral 5.5, Chippefield 6.5, Stocker 6 (47%u2019 st Shaquiri sv); Frei 6.5, Streller 6.5 (39%u2019 st Almenares 6). A disp. Colomba, Ritter, Ferati, Sahin, Mustafi. All.: Fink.

ROMA (4-3-1-2): Julio Sergio 6.5; Riise 5.5 (19%u2019 st Tonetto 5.5), Burdisso 6, Mexes 5, Motta 5; Taddei 5, De Rossi 5.5, Pizarro ; Menez 5 (1%u2019 st Guberti 5.5); Baptista 5 (19%u2019 st Vucinic ), Totti 6. A disp. Artur, Juan, Cassetti, Perrotta. All.: Ranieri.

ARBITRO: Carballo (Spagna) 5.5.

RETI: pt 11′ Carlitos, st 42%u2019 Almenares.

AMMONITI: Cabral, Menez, Costanzo, Abraham e Pizarro.

fonte Repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta