Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

La verità di Medici senza Frontiere sul caso Pfzier: la multinazionale portava avanti una sperimentazione illecita di un farmaco sui bambini

Postato da on gen 31st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

1996: nello stato di Kano, in Nigeria, la multinazionale Pfizer avvia la sperimentazione non etica di un antibiotico per bambini contro la meningite; non etica perché al momento della somministrazione non sussistono sufficienti studi circa la sua efficacia nei casi di meningite infantile, né approfondimenti in merito a eventuali effetti collaterali. L’ipotesi è che a seguito dell’epidemia di meningite che in quello stesso anno colpisce la popolazione di Kano, la Pfizer ne approfitti per  intraprendere illecitamente un’operazione volta a testare la validità di un nuovo farmaco nato nei suoi laboratori.
Tutto avviene presso il Kano State Hospital, struttura ospedaliera dove contemporaneamente sono presenti gli operatori di Medici senza Frontiere, loro sì a curare la meningite dei più piccoli, sottoponendoli a una terapia ufficialmente approvata.
L’equipe di MsF denuncia il comportamento della Pfizer presso le autorità locali, eppure oggi la Pfizer denuncia loro.
La casa farmaceutica, nel tentativo evidentemente di sottrarsi alle proprie responsabilità, sembra voler far passare la tesi secondo cui sarebbero stati i Medici senza Frontiere a somministrare il Trovan, l’antibiotico inquisito.
In realtà, ancora oggi ci sono presso i tribunali degli Stati Uniti e del Governo federale nigeriano gli estremi per portare avanti un’azione legale contro la Pfizer. E’ per sfuggire a questa eventualità, tentando di indirizzare altrove le indagini,  che la multinazionale ha cercato di scrivere una nuova versione dei fatti.

L’assoluta estraneità di MsF alla vicenda è comprovata da un dettagliato rapporto, pubblicato  nel 2000 dal Washington Post, che offre una puntuale ricostruzione dei fatti.

Tuttavia, a grave danno della verità, è ancora in circolazione su Internet la storia menzognera elaborata dalla Pfizer.

Fonti: Medici senza Frontiere


Leggi Ancora

Lascia una risposta