Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

L’eclettico Bobo Rondelli a Roma

Postato da on nov 27th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Bobo Rondelli

Bobo Rondelli

Sabato 28 novembre il festival cinematografico “Visioni Fuori Raccordo”, in corso al Cinema Aquila di Roma, si chiuderà con l’anteprima romana di un documentario girato da Paolo Virzì: “L’uomo che aveva picchiato la testa”. L’uomo in questione è Bobo Rondelli, ironico e insolito cantautore livornese, spesso definito dai suoi fedelissimi fans come “il più grande e sottovalutato artista vivente”. Fondatore nel ’92 degli “Ottavo Padiglione”, band che prende il nome da un reparto psichiatrico di Livorno, Bobo Rondelli ha collaborato con molti artisti italiani famosi, da Stefano Bollani a Pacifico. Tuttavia non è mai riuscito a svincolarsi dalla sua città, che lo ispira da sempre e che lui dipinge in tutte le sue tinte con animo sensibile, vivace, dissacrante e mai scontato. Il genio spregiudicato e la persona malinconica affiorano in modo delicato nel film del conterraneo e amico Virzì.  “L’uomo che ha picchiato la testa”, titolo di una canzone del primo album dell’ Ottavo Padiglione, è Bobo Rondelli: ce ne parla la mamma in una divertente intervista contenuta all’interno del documentario. Alla proiezione, che si terrà alle 21.30 e a cui saranno presenti regista e interprete, seguirà il concerto live di Bobo Rondelli presso il locale Off!cine, in via del Pigneto 215.


Leggi Ancora

Lascia una risposta