Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Leggere il pensiero non è più fantascienza

Postato da on feb 2nd, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Secondo quanto annunciato in uno studio pubblicato sulla rivista Science, siamo ormai in grado di leggere e comprendere i dati contenuti nella memoria cerebrale.  Ad affermarlo un team di ricerca che ha condotto un esperimento su 15 persone a cui sono stati attaccati degli elettrodi per studiare l’attività del cervello durante l’ascolto di alcune parole. L’indagine ha mostrato che ogni parola viene memorizzata dal cervello attraverso un proprio schema, e proprio grazie a questo unico schema, disegnato dall’attività neurologica, è possibile riconoscere le parole pensate dal soggetto. Gli scienziati sono stati in grado di riconoscere nell’80-90% dei casi la parola pronunciata o immaginata. Questa scoperta potrebbe facilitare notevolmente la comunicazione delle persone con problemi linguistici.

Fonte: Science


Leggi Ancora

Lascia una risposta