Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Lego: sviluppa la fantasia e aiuta le Amministrazioni

Postato da on mar 10th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Per tutti i detrattori dell’arte contemporanea è venuto il momento di arrendersi e ammettere che, anche se non la comprendono, almeno è utile, e non mi riferisco ad un’utilità astratta, al beneficio e al piacere di un’opera d’arte che fa bene al cuore e all’anima, ma ad una funzione ben concreta.

Il fautore di questa rivoluzione è un artista berlinese Jon Varnman, che ha iniziato la sua avventura proprio in Italia e più precisamente a Bocchignano, frazione di Montopoli di Sabina,  che è stata la sede della sua prima istallazione e che ha visto effettuare restauri sui monumenti cittadini con i lego.

Dall’ Italia Varnman ha poi spostato  le sue istallazioni a Tel Aviv, a Berlino, dove i lego hanno riempito le crepe provocate dai bombardamenti, un po’ di colore per cancellare le grigie della storia, per approdare, infine, a New York dove le sue opere si mettono a disposizione dell’amministrazione pubblica per riparare le numerose spaccature che “decorano” i palazzi della città.

È presto per dire se il tempo, o meglio gli appassionati di lego che magari ne sottrarranno qualche pezzo, darà ragione a quest’artista e farà funzionare  la sua performance come alternativa all’utilizzo dello stucco, ma questo è sicuramente un messaggio forte delle nuove generazioni di artisti che cercano nuovi spazi e nuove forme per farsi conoscere e  rendere l’arte fruibile a tutti.

Fonti: Gestalten

Dispatchwork

Wired


Leggi Ancora

Lascia una risposta