Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Lettera di Zaia a Berlusconi: ” Porto Tolle questione nazionale. Il Governo metta in campo mezzi e risorse propri a favore dei veneti”

Postato da on mag 20th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

(AVN) Venezia, 19 maggio 2011
Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha inviato oggi una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi in relazione alla vicenda della Centrale Enel di Porto Tolle. Questo il testo:

“Caro Presidente, sono in attesa di conoscere le motivazioni del Consiglio di Stato che spiegheranno il merito di una sentenza sulla centrale Enel di Porto Tolle che, in ogni caso, andrà compresa e rispettata. Non posso, però, non condividere con il Governo Nazionale la grande preoccupazione di tutto il territorio per tre aspetti che mi sembrano centrali in questa vicenda”.

“Innanzitutto – scrive Zaia – il tema del lavoro. Il Veneto ha perso, in questo periodo di crisi economica, quasi 150 mila posti di lavoro. Il mancato investimento dell’Enel, che sta realizzando un’opera per quasi 2 miliardi di euro, avrebbe effetti diretti e di indotto davvero devastanti. In secondo luogo, verrebbe meno a questo territorio, che rappresenta ancora uno dei motori accesi dell’economia industriale nazionale, quella fonte energetica che, in breve tempo, ci avrebbe portati a un sostanziale pareggio tra fabbisogno e consumi. Tale mancanza comporterebbe esiti imprevedibili per il tessuto industriale che attende con ansia, invece, la messa a regime di un’opera che tutti consideriamo irrinunciabile. Infine – prosegue Zaia – la mancata trasformazione della Centrale comprometterebbe il compimento del processo di compatibilità tra sviluppo economico e tutela ambientale, compimento che sarebbe garantito dalla trasformazione dell’impianto, come tutti gli studi compiuti in questi anni confermano”.

“Credo dunque – aggiunge Zaia rivolgendosi a Berlusconi – che, fatte salve la sentenza e le sue motivazioni, sarà necessario sostenere il progetto di riconversione della Centrale di Porto Tolle, facendo anche ricorso ai mezzi e alle risorse propri del Governo nazionale”. Zaia conclude la sua lettera al Premier dicendosi “certo di avere Te ed il Governo al fianco dei veneti”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta