Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Liberi tutti

Postato da on dic 6th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

E’ la meta più battuta dalle famiglie con figli piccoli. Domenica pomeriggio al circo: è un classico. Eppure l’iniziativa non è, poi, così educativa, se si pensa che gli animali impiegati nei circhi vengono costretti ad uno stile di vita decisamente contrario alle leggi naturali… Non nascono mica in gabbia, le scimmie o le tigri. Invece in gabbia passano la maggior parte del loro tempo quando sono al seguito dei circensi, salvo essere liberati per essere coinvolti in mirabolanti acrobazie, anche queste molto lontane da quello che Madre Natura vorrebbe. Ma c’è di più: la legge sul circo del 1968 vuole che le gabbie ambulanti, case stile carcere dei poveri animali caduti nella trappola, vengano finanziate dallo Stato. Tutto bene finché si tratta di sostenere l’attività artistica di trapezisti e acrobati, ma quando i soldi sono spesi per avvallare un atto di tortura, la cosa acquista un certo amarognolo sapore di crudeltà.

Anche per il 2010 la cifra stanziata a favore dei teatri ambulanti è stata non indifferente: 5.755.010,97 euro. La normativa, però, prevede anche una sospensione della sovvenzione di fronte a casi di maltrattamento degli animali. Unico neo: raramente si procede davvero a chiudere i rubinetti delle erogazioni statali, anche quando ci siano episodi accertati di comportamento negligente da parte dei gestori del circo nei confronti degli animali. E’ quanto emerso da un’indagine della Lav, una delle più importanti associazioni animaliste italiane, che adesso lancia una proposta al mondo della politica: liberare gli animali dai circhi. Così, al grido di “Vogliamo un circo più umano”, in migliaia sono scesi in piazza il 4 e 5 Dicembre, in diverse città d’Italia, proprio per sostenere la richiesta della Lav.

Quello che si vuole è una normativa precisa che vieti l’uso degli animali nel circo; sono già 16 i paesi del mondo che hanno adottato un simile provvedimento (Costa Rica, India, Belgio), lo scorso Aprile anche il governo inglese ha annunciato  l’adozione di una misura restrittiva in questa direzione.

Adesso i cittadini italiani chiedono che si intraprenda la stessa strada anche nel nostro paese.
I politici rispondano.


Leggi Ancora

Lascia una risposta