Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Manovra, arriva lo scudo fiscale L’aliquota sarà del 5%

Postato da on lug 15th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

tremontiROMA – Arriva lo scudo fiscale. Non è nel testo del governo, ma una norma in tal senso è stata presentata attraverso un emendamento al decreto legge anticrisi in commissione Bilancio e Finanze alla Camera a firma dei relatori.

“La norma prevede – si legge nella relazione tecnica – l’istituzione di un’imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali, detenute fuori dal territorio dello Stato” e a “condizione che le stesse vengano rimpatriate in Italia da paesi extraeuropei nonché regolarizzate ovvero rimpatriate perché in essere in paesi dell’Unione europea e in paesi aderenti allo spazio economico europeo che garantiscono un effettivo scambio di informazioni fiscali in via amministrativa”.

L’imposta si applica su un rendimento lordo “presunto” del 2% annuo per i cinque anni precedenti il rimpatrio o la regolarizzazione “con un’aliquota sintetica del 50% per anno comprensiva di interessi e sanzioni e senza diritto allo scomputo di eventuali o crediti”, recita il testo dell’emendamento. In pratica ciò significa un’aliquota complessiva del 5%, che sarà applicata sulle attività finanziarie e patrimoniali detenute almeno al 31 dicembre 2008 o rimpatriate e regolarizzate a partire dal 15 ottobre prossimo e fino al 15 aprile 2010.

Il gettito viene definito nella relazione di “assoluta imprevedibilità” ed è dunque fissato per ora a un solo euro.

L’emendamento aggiunge che sono esclusi dallo scudo fiscale i reati tributari previsti nel decreto legislativo 74/2000 “ad eccezione dei reati di dichiarazione infedele e di omessa dichiarazione”. Esclusi tra gli altri anche i delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso, di corruzione, concussione, estorsione, sequestro di persona a scopo di estorsione, usura, traffico di armi, persone e droghe.

Pensioni, novità in arrivo. Dal 2015 l’età pensionabile potrebbe essere legata all’aspettativa di vita. “Stiamo valutando una forma di stabilizzazione del sistema previdenziale in relazione all’incremento dell’aspettativa di vita”, ha detto il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, precisando che si tratterà di una “sorta di piccola finestra mobile, sostanzialmente impercettibile per le persone”. In tal senso è in arrivo un emendamento che potrebbe essere inserito nell’emendamento sull’innalzamento dell’età pensionabile delle donne nel pubblico impiego.

Dpef. Intanto il Consiglio dei ministri ha approvato il Documento di programmazione economico-finanziaria 2010-2014. Fonti di Palazzo Chigi fanno sapere che Bankitalia condivide il Dpef, in special modo “la strategie indicate nel documento in due tempi: la prima destinata a fronteggiare la crisi ed a tamponarne gli effetti, la seconda volta a favorire lo sviluppo economico e il risanamento della finanza pubblica”. A dichiararlo il rappresentante di Bankitalia nel corso della riunione del Cipe che ha dato l’ok al Dpef.


Leggi Ancora

Lascia una risposta