Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Medicina integrative: un primo passo verso il riconoscimento

Postato da on mar 10th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

medicina-alternativasSecondo le statistiche circa il 25% degli italiani ricorre alla medicina alternativa, là dove per alternativo si intende un percorso diverso da quello previsto dalla medicina allopatica.

Le strade possibili da percorre vanno dall’omeopatia, la fitoterapia, fino all’agopuntura e alle terapie che si fondano sui principi della cultura orientale. Tuttavia, nonostante l’ampia fetta di popolazione interessata dal fenomeno, ancora non vi è un adeguato riconoscimento da parte del sistema sanitario nazionale, il ché significa che chi decide di curarsi con i medicinali così detti non tradizionali non può avere accesso alle convenzioni statali ed è costretto a sobbarcarsi per intero le spese sostenute; in altre parole, facile ottenere il rimborso per un antibiotico, impossibile averlo per una seduta di agopuntura.

Eppure moltissimi studi hanno rilevato la validità di suddette terapie, sopratutto in determinati ambiti, quali, per esempio, gli interventi mirati a ridurre il dolore, talvolta insostenibile, che accompagna alcune patologie. Forse qualcosa si è smosso in tal senso nella giornata di ieri; è, infatti, stato approvato l’Odg relativo alla proposta di legge, avanzata dall’On. Scilipoti, che prevede il riconoscimento dell’agopuntore tra le figure professionali competenti nel campo delle cure palliative e della terapia del dolore.

Il governo centrale, riformulando in qualche modo la proposta, si è comunque impegnato per sostenere l’introduzione dell’agopuntura nell’ambito della terapia del dolore.


Leggi Ancora

Lascia una risposta