Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Melanomi e tumori cutanei: a Roma il primo workshop internazionale di dermoscopia

Postato da on ott 15th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

15-16 Ottobre 2010
Grand Hotel Palazzo Carpegna, Roma

Si terrà a Roma il Primo Workshop Internazionale di Dermoscopia e gestione pazienti con tumori cutanei organizzato dalla Dott. ssa Caterina Catricalà, direttore del Melanoma Unit dell’Istituto San Gallicano e dal Dott. Giuseppe Argenziano (Presidente del Corso) insieme alle Dott.sse Ada Amantea e Iris Zalaudek.

“La dermoscopia – spiega il Dott. Argenziano – rappresenta una metodica diagnostica non-invasiva per la diagnosi del melanoma e dei tumori cutanei in genere, che in Italia (come nel resto d’Europa) è divenuta negli ultimi anni un vero e proprio “standard of care” per la gestione clinica dei pazienti con lesioni pigmentate.”

“L’applicazione di tale procedura diagnostica – aggiunge la Dott.ssa Catricalà –  nella pratica clinica richiede un lungo percorso di apprendimento e una sufficiente esperienza clinica da parte dell’osservatore. Per tale motivo, negli ultimi anni si sono moltiplicati i corsi, seminari e congressi in tema di dermoscopia, in modo di fornire ai dermatologi quell’indispensabile bagaglio di nozioni specifiche che consentano l’applicazione della dermoscopia nella pratica routinaria.”

In genere i corsi di dermoscopia sono disegnati in modo da fornire esemplificazioni semplici e didattiche del vasto spettro morfologico delle lesioni pigmentate. Tuttavia, se è vero che la maggior parte delle lesioni presenta quadri dermoscopici di facile interpretazione, è anche vero che il melanoma, così come le altre lesioni pigmentate in diagnosi differenziale, può esibire aspetti morfologici quanto mai differenti, che rendono la diagnosi, in alcuni casi, estremamente difficile.

In un’epoca ormai matura della dermoscopia, è quanto mai utile confrontare le singole esperienze cliniche dei dermatologi che si cimentano ogni giorno nella gestione clinica dei pazienti con lesioni pigmentate e che utilizzano la dermoscopia nella pratica routinaria.

“Il corso perciò vuole essere un momento di confronto – conclude Argenziano –  fra dermatologi su situazioni cliniche pratiche, problemi e soluzioni adottate nella gestione di particolari pazienti o lesioni pigmentate complesse, o esperienze individuali nella conduzione di un ambulatorio per la diagnosi del melanoma.”

Il programma prevede una serie di letture sui più importanti aspetti di base ed avanzati della dermoscopia moderna che saranno affrontati da esperti del settore. Il format del corso è inoltre specificamente disegnato in modo da mettere il partecipante in condizioni di approfondire tutti gli aspetti della gestioni dei pazienti con tumori cutanei, dalla fase di screening diagnostico, a quella del trattamento e del follow-up.


Leggi Ancora

Lascia una risposta