Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Messina «Evento previsto e avevamo dato l’avviso»

Postato da on ott 5th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

“Era stato tutto previsto”. Nella conferenza stampa in prefettura, Berlusconi ha affermato che l’inondazione è stata causata da una «emergenza idrogeologica eccezionale». L’evento «era stato previsto – ha detto il premier – e nel nostro centro romano era previsto con anticipo. Avevamo dato l’avviso per tempo, poi la precipitazione iniziata nelle prime ore del pomeriggio del primo ottobre è stata più intensa di quanto si prevedeva». Il premier parla di calamità naturale, di un evento eccezionale ma secondo la gente la tragedia poteva essere evitata visto che già due anni fa era accaduta la stessa furia di maltempo. Il presidente del consiglio ha promesso ai 500 e più sfollati che avranno case come in Abbruzzo, attrezzate con tutto ciò che serve per vivere al meglio, che nessuno sarà lasciato solo. E soprattutto ha promesso di bloccare eccezionalmente per loro tasse e mutui. Fuori dalla prefettura un gruppo di cittadini si era radunato in sua attesa ma all’arrivo del Ministro Matteoli così hanno gridato “Assassini, assasssini, aspettavano i morti per discutere del ponte”. Si tratta del movimento dei NoPonte, coloro che non vogliono il ponte di Messina ma solo interventi contro il rischio di nuove frane. Berlusconi ha nominato Raffaele Lombardo, presidente della Regione Sicilia, come Commissario per l’emergenza alluvione ed ha affermato che procederà a uno stanziamento che si aggiungerà ai 20 milioni previsti dalla Regione Sicilia. L’ultimo bilancio ufficiale delle vittime è salito a quota 24 ma i dispersi sono 34. Duemila uomini li cercano tra le macerie e il fango con l’aiuto di quasi 500 automezzi. Lavorano senza sosta sotto una pioggia che non vuole cessare.

Fonte repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta