Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Micronecta scholtzi l’animale più rumoroso al mondo che suona con il pene

Postato da on lug 5th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Alcuni scienziati francesi e scozzesi hanno scoperto che un insetto di acqua dolce di appena due millimetri e comune in Europa, il Micronecta scholtzi, ha un pene capace di emettere mediamente 78,9 decibel, tanti quanto quelli prodotti da un treno merci in corsa, con picchi che possono arrivare fino a 99,2, paragonabili a quelli percepiti da chi ascolta un’intera orchestra seduto nelle prime file. A quanto dichiarano gli stessi studiosi, la rilevazione è stata possibile grazie a degli speciali microfoni acquatici che hanno trasmesso il rumore, conosciuto come“ stridulazione”, che il piccolissimo animale produce in fase di corteggiamento, quando strofina il pene contro il suo addome per attrarre una compagna. Il solo motivo per cui il rumore prodotto da questi insetti non ci assorda è che essi vivono sott’acqua, ma, anche se il suono perde il 99% nel passare dall’acqua all’aria aperta, esso rimane percepibile dall’udito umano tanto che, se una persona passeggiasse lungo la riva potrebbe sentire il canto di queste piccole creature provenire dal fondo del fiume. Gli animali più rumorosi sono generalmente quelli più grandi, come le balene, che raggiungono i 188 decibel, e gli elefanti, con 117, ma, sebbene ci siano grandi mammiferi ed invertebrati, inclusi il grillo in miniatura e la mantide religiosa, che emettono segnali acustici di notevole entità, nessuno uguaglia il Micronecta scholtzi che, afferma il Dott. Windmill, per la potenza del suono emesso, confrontato con le sue dimensioni corporee, potrebbe essere considerato il più forte animale della terra. Sarebbe la selezione sessuale, secondo uno degli studiosi del gruppo, il Dott. Jerome Sueur del Museo di Storia Naturale di Parigi, il motivo di un “canto” tanto acuto. Ogni maschio, infatti, cercherebbe di produrre un suono che sia il più forte possibile per cercare di oscurare il canto del rivale e la competizione, nel tempo, avrebbe esagerato il volume del canto. A quanto risulterebbe dalle osservazioni e dalle ricerche effettuate, inoltre, il Micronecta scholtzi non avrebbe predatori sensibili ai suoni che emette, contrariamente ad altri insetti che limitano il volume del loro canto proprio per evitarli. Il pene dell’insetto misura infatti 50 micron di diametro, circa la larghezza di un capello umano, e gli studiosi non ancora non si spiegano come sia possibile produrre un suono cosi forte con una parte così piccola del corpo.

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta