Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Officina materica: 54esima Esposizione Internazionale d’Arte Biennale di Venezia

Postato da on giu 20th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Dal 23 giugno al 22 settembre 2011 al Museo Nazionale di Palazzo Venezia, Officina Materica partecipa alla 54esima Esposizione Internazionale d’Arte Biennale di Venezia. In occasione delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, il Padiglione Italia della Biennale è stato infatti esteso ad ogni capoluogo di Regione o Città di grande prestigio del paese. A Roma la rappresentanza dell’eccellenza artistica contemporanea italiana approderà a Palazzo Venezia, aperto al pubblico dal 24 giugno al 22 settembre, e, tra i vari artisti prescelti, Officina Materica sarà presente con l’imponente installazione volumetrica Metalchemica all’ingresso delle prestigiose sale del Palazzo, al primo piano.
Giovedì 23 giugno inaugurerà l’intera esposizione. I due artisti Fabrizio Di Nardo e Piero Orlando, creatori di Officina Materica, saranno lieti di accogliere gli ospiti per spiegare il loro coinvolgente progetto artistico “sensoriale”.
Metalchemica, struttura volumetrica e architettonica dalla forma regolare composta da materia grezza di legno, è infatti il tentativo artistico di costruire un percorso interattivo che porta alla modificazione della materia attraverso i nostri sensi: l’udito, tramite il rumore delle lavorazioni a scalpello; il tatto, con la percezione delle differenti superfici; l’olfatto, per mezzo dell’emissione degli odori naturali del legno; la vista, attraverso la luce ed il colore. Il suo enorme volume dalla forma regolare, si articola dall’esterno all’interno in un processo di allungamento rettilineo, si distende, e da segnale indicatore si trasforma in piano da lavoro. Qui la materia si deforma, si taglia, si frattura, dando vita ad una trasformazione irreversibile, segno dell’enfasi e della necessità di raccontarsi dell’artista. La superficie lignea si integra con l’uso delle resine, immesse a creare nuovi riflessi e per far scoprire all’osservatore mondi sconosciuti; complice dell’esperienza in questo ambito è stato l’incontro con Metropolis by Ivas, leader nei sistemi di rivestimento e decorazione d’interni.
L’opera rappresenta una sfida e un’innovazione non solo per la sua imponente struttura fisica (alta più di 5 metri e lunga quasi 10 metri), ma anche per l’interazione con mezzi visivi – le immagini video realizzate dal film maker Alessio Fattori –  e sonori – la sequenza musicale del musicista compositore Leonardo Cesari, nata dalla campionatura dei suoni e dei rumori della tecnica e dalle voci degli artisti e di Lara Stacchini.
La contaminazione tra discipline artistiche diverse, del resto, fa parte dello spirito aggregante di Officina Materica ed è ciò che ne ha già in passato contraddistinto lo stile, in eventi significativi tra i quali il Premio Internazionale “Città di New York” 2009 – Roma, il SensofWine 2009 – Auditorium Roma, il SensofWine 2010 – Cipriani 42esima New York, la 12esima Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia 2010, il SensofWine 2011 – Palazzo dei Congressi Roma e la recente incursione al Salone del Mobile 2011- Milano .



Leggi Ancora

Lascia una risposta