Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Per il Presidente della Bce parlare di exit strategy è prematuro

Postato da on set 29th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Jean Claude Trichet

Jean Claude Trichet

Tra Agosto 2008 e Luglio 2009, sono state un milione le domande di disoccupazione liquidate dall’Inps. Crescono inoltre i numeri della cassa integrazione. Il Presidente della Bce, Jean Claude Trichet dichiara l’uscita dal periodo di tracollo economico, ma aggiunge non è ancora il momento di parlare di exit strategy. E’ necessario continuare a sostenere le imprese e le famiglie, è importante che le banche lavorino per finanziare l’economia reale, per cui principalmente le piccole e medie imprese. Le banche che hanno bisogno di più capitali, devono utilizzare quelli che i governi hanno appositamente accantonato, c’è ancora un 45% di capitali per la ricapitalizzazione che sono fermi. Trichet dà anche una spiegazione alle attuali difficoltà nel settore creditizio, sottolineando che il cuore del problema si trova nel rallentamento della  crescita economica, per cui la domanda è molto meno dinamica ripetto al passato. Non chiude però il discorso in modo totalmente negativo , infatti dichiara che nell’ultimo periodo la domanda di credito da parte delle banche è stata del 77%,  fenomeno che  dà valore alla strategia messa in atto. In quest’ultimo anno l’inps ha registrato un aumento del 52,2% delle domande di disoccupazione ripetto all’anno precedente. Da quanto emerge dalla relazione del presidente e commissario straordinario dell’inps, il numero dei beneficiari dei sussidi di disoccupazione non corrisponde mai al numero delle domande. Durante quest’anno si sono accumulate 1,1 milioni di domande. Secondo la relazione il rapporto sarebbe di 1 a 2 quindi 1 beneficiario ogni 2 domande. Conclude infine l’Istituto che è lecito supporre che i disoccupati si aggirano intorno ai 400-500mila, poichè c’è un frequente ricambio nelle persone che ricevo i sussidi, molti non ne usufruiscono per l’intero periodo, 6 mesi, appena la persona trova lavoro il diritto decade.

Fonte ilmessaggero.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta