Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Pesca: Caro gasolio affonda flotta bruciati 35 milioni di euro

Postato da on mag 19th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry


Nel giro di un anno il caro gasolio nel settore ittico ha bruciato 35 milioni di euro aggravando una situazione già difficile per le marinerie italiane a causa del crollo della produzione. L’allarme viene da Coldiretti ImpresaPesca sulla base di una analisi al primo strtimestre 2011 che evidenzia un aumento del 40 per cento in un anno dei prezzi del carburante per i pescherecci. E’ dunque positivo – sottolinea Coldiretti impresa Pesca – l’invito venuto dal Parlamento europeo che ha sollecitato la Commissione Ue e prevedere un’apposita misura per elevare l’importo massimo degli aiuti de minimis all’impresa da 30mila a 60mila euro per almeno tre anni. “L’elefante europeo si è mosso – sottolinea Tonino Giardini, responsabile di Coldiretti ImpresaPesca – e ora spetta alle amministrazioni nazionali e regionali raccogliere l’invito del parlamento Ue e accantonare le risorse necessarie per sostenere la produzione ma anche per riequilibrare la filiera ittica”. Una soluzione – secondo Coldiretti Impresa Pesca – potrebbe venire al Cipe. “I quindici milioni destinati alla pesca nel riparto delle risorse del Fondo infrastrutture vanno destinate senza indugio a queste finalità – spiega Giardini– per cercare di tamponare una situazione ormai gravissima”. Nei primi mesi del 2011 si è registrato un crollo del 50 per cento delle quantità di pescato in Adriatico, mentre le importazioni di prodotto straniero sono aumentate dell’11 per cento in valore, secondo i dati Istat sul commercio estero relativi al mese di febbraio. Da qui la richiesta avanzata da Coldiretti ImpresaPesca di un fermo immediato, accolta dal ministero delle Politiche agricole, che ha annunciato l’intenzione di promuovere uno stop alle attività di 45 giorni per consentire il ripopolamento delle risorse. “Un provvedimento necessario – sottolinea Giardini – anche se è chiaro che la politica della pesca non può limitarsi al fermo, ma deve prevedere altre misure, a partire dalla realizzazione dei distretti di pesca, per dare una governance al sistema produttivo”. Coldiretti ImpresaPesca chiede anche il rafforzamento della tracciabilità della filiera dell’ittico in maniera più chiara soprattutto per i prodotti di importazione anche con i “menù della ristorazione”, avviando progetti di promozione del Made in Italy secondo i principi del km.0. Le stesse organizzazioni dei produttori devono fare da anello di congiunzione tra produzione e mercato. Occorre poi – conclude ImpresaPesca Coldiretti – chiudere in termini brevi con Bruxelles le questioni in ballo sul Piano Nazionale Pesca, in particolare per la deroga per le distanze operative dalla battigia per lo strascico in Tirreno e per le draghe idrauliche in genere, ed inoltre la soluzione dell’attesa problematica con l’Ue per la tolleranza nelle confezioni nella selezione meccanica dei molluschi-bivalvi in riferimento ai limiti della taglia minima.


Leggi Ancora

Lascia una risposta