Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Prodotti agricoli in ripresa, mentre carni e uova sono in ribasso

Postato da on ott 21st, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Segnali incoraggianti di ripresa si avvertono anche nel settore agricolo dove sono aumentati del 12% a settembre, rispetto allo scorso anno, i prezzi alla produzione che rimangono tuttavia ben al di sotto dei costi in molti settori, per effetto delle forti riduzioni che si sono verificate lo scorso anno.  E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Ismea relativi al mese di settembre in occasione della divulgazione dei dati Istat sugli ordinativi industriali.

A settembre, rispetto allo scorso anno, precisa la Coldiretti, si segnala un aumento del 18% nei prezzi alla produzione delle coltivazioni che riguarda tutti i settori con i cereali che mettono a segno un +35%, la frutta fresca e secca (+20%), gli ortaggi e legumi (+14%), i tabacchi (+6%), e in misura più lieve il vino (+3%) e i semi e sementi industriali (+2%), mentre in controtendenza l’olio che mostra una flessione del 16%.

Per gli allevamenti – continua la Coldiretti – l’aumento è stato del 6% con incrementi maggiori per i lattiero caseari (+ 16%) grazie alle buone performance dei formaggi tra i quali spicca la crescita delle quotazioni del Parmigiano Reggiano (+32%) e del Grana Padano (+21%), mentre per il Pecorino Romano prosegue la tendenza flessiva dei prezzi (-8%). Relativamente agli altri settori, ad eccezione dei volatili domestici (+3%), segnano ribassi le uova (-7%), i suini (-3%), gli ovi-caprini (-3%), i bovini e bufalini (-1%) e i conigli (-4%).

La Coldiretti sta promuovendo un progetto per una filiera agricola tutta italiana con l’obiettivo di tagliare le intermediazioni e arrivare ad offrire in Italia e all’estero prodotti alimentari al cento per cento italiani firmati dagli agricoltori al giusto prezzo attraverso la rete di Consorzi Agrari delle cooperative e delle imprese agricole.


Leggi Ancora

Lascia una risposta