Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Protezione civile:”Terremoti d’Italia” in mostra alla Biblioteca Nazionale fino al 14 Ottobre

Postato da on ott 6th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

È stata inaugurata ieri, presso l’area mostre della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, la mostra “Terremoti d’Italia” organizzata dal Dipartimento della Protezione civile. Aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00, festivi compresi, fino a venerdì 14 ottobre, l’esposizione ripercorre la storia dei principali sismi che hanno colpito nell’ultimo secolo il territorio italiano attraverso documenti, immagini, strumenti scientifici e dispositivi tecnici antisismici provenienti da tutta Italia.

 

La mostra si articola in tre sezioni – storica, scientifica e conoscitiva – legate in un unico percorso grazie alla proiezione di foto e filmati che stimolano e coinvolgono il visitatore. Nella parte storica,  documenti e materiali d’archivio ricostruiscono gli eventi dei più importanti terremoti italiani, presentati anche attraverso i manoscritti originali messi a disposizione dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Il settore scientifico illustra il fenomeno fisico e i suoi effetti, e ospita una collezione di strumenti di misura del sisma, da quelli pioneristici come il sismoscopio cinese di Zhang Heng (del 132 d.C.), a quelli di ultima generazione. Infine, la sezione conoscitiva, all’interno della quale è stata allestita la piattaforma sismica, descrive e presenta i temi della prevenzione e dei dispositivi antisismici.

 

La piattaforma, allestita con oggetti di uso comune, è un sofisticato dispositivo che permette di sperimentare direttamente cosa accade durante un terremoto in tre diverse situazioni: al piano terra o per strada, al quinto piano di un comune edificio antisismico e al quinto piano di una struttura isolata simicamente.

 

 

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta