Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Ricetta elettronica: consistenti benefici sia per il bilancio statale, sia per la qualità del servizio

Postato da on gen 21st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Positivo riscontro del ministro dell’Economia e delle Finanze Giulio Tremonti alle diverse sollecitazioni che in questi giorni gli erano pervenute dal ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta. In una lettera inviata ieri a Palazzo Vidoni, Tremonti assicura infatti Brunetta che, per quanto riguarda la realizzazione della ricetta medica elettronica, “i competenti Uffici sono stati interessati per adottare le opportune iniziative volte alla concreta attuazione della normativa”. Nell’ottica di un controllo efficace della spesa medica, la ricetta elettronica potrà così determinare consistenti benefici sia per il bilancio statale, sia nella qualità del servizio reso ai cittadini.
Nella stessa lettera il ministro Tremonti garantisce la sua piena collaborazione anche per quanto riguarda la definizione degli altri provvedimenti sui quali, nei giorni scorsi, era stato sollecitato dal ministro Brunetta: la carta d’identità elettronica (“E’ già stato concordato con i suoi Uffici e con il Ministero dell’Interno uno schema di disposizione e si è in attesa di individuare il provvedimento legislativo nel quale inserire la norma in questione”), la riforma del Codice dell’Amministrazione Digitale (“Le disposizioni del predetto Codice potranno applicarsi all’Agenzia delle Entrate, il cui piano di investimenti già contempla le spese necessarie per conformarsi alla nuova disciplina”) e la fatturazione elettronica (“Il provvedimento attuativo è in avanzata fase di predisposizione”).
Infine, nella sua lettera Tremonti risponde positivamente anche alla nota con la quale, lo scorso 12 gennaio, il ministro Brunetta gli aveva evidenziato la necessità che gli schemi di decreti legislativi attuativi della legge delega in materia di federalismo fiscale siano corredati dalla relazione tecnica: “Si tratta di un adempimento la cui esigenza è costantemente segnalata dai miei Uffici”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta