Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Rifiuti Tossici in mare: rivelazioni scioccanti del giornalista Gianni Lannes

Postato da on feb 10th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Quanti segreti si nascondono in fondo al mare.. suonava così negli anni novanta il ritornello di una canzone di Antonello Venditti . Meno poetico il significato che può assumere oggi questa affermazione alla luce delle rivelazioni del giornalista Gianni Lannes. Da anni impegnato in un lungo lavoro di indagine in merito a operazioni illecite di smaltimento di rifiuti tossici nei mari italiani, Lannes ha rilasciato dichiarazioni scioccanti sull’argomento.

Secondo la sua ricostruzione, intere navi cariche di rifiuti attraversano da anni indisturbate il Mediterraneo, il Tirreno, lo Ionio, per andare a smaltire le scorie della centrale nucleare di Caorso, all’insaputa di tutti? Nasce spontaneo il bisogno di mettere un bel punto interrogativo.

L’impianto fu chiuso nel 1987, in coincidenza con il nuovo indirizzo politico che prevedeva l’abbandono del nucleare sul territorio italiano, e le procedure di smantellamento furono affidate ad una società, la Ecoge, che guarda caso è risultata essere legata all’ndragheta.

Ovviamente il riferimento al caso è del tutto ironico, visto che già nel 2009 Francesco Fonti, pentito dell’ndragheta, aveva confessato di essersi occupato per lungo tempo dell’affondamento di navi cariche di materiale tossico e radioattivo, lamentando lui stesso la scarsa attenzione da parte delle istituzioni nei confronti delle sue rivelazioni.

Gianni Lannes si è addirittura introdotto negli stabilimenti della centrale, riuscendo a raccogliere elementi importanti per la ricostruzione della vicenda. Il fatto che il giornalista sia stato più volte oggetto di atti intimidatori, poi, non suggerisce la remota possibilità che le sue affermazioni possano avere un certo fondamento e che meriterebbero maggior attenzione?

Ops, dimenticavo che non si può prestare attenzione a qualcosa di cui non si sa niente, visto che le ricerche di Gianni Lannes  non hanno trovato spazio sui quotidiani nazionali. Noi, invece, questo spazio ce la siamo preso.

 Fonti: Calabria Notizie        Pressante


Leggi Ancora

Lascia una risposta