Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Riforma Fiscale: Manzato, “cominciamo a detrarre la spesa per i nostri prodotti di qualità

Postato da on giu 21st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

“La riforma fiscale è necessaria, ed ha senso se incide anche direttamente sul costo della spesa delle famiglie”. Lo ha ribadito l’assessore all’agricoltura del Veneto Franco Manzato, secondo il quale “dobbiamo avere il coraggio di sperimentare strade innovative: poter detrarre dal reddito le spese personali per prodotti a DOP rappresenterebbe un sicuro risparmio per i consumatori e un incentivo forte per le nostre imprese agricole orientate alla qualità. Un simile sistema è tranquillamente allargabile a tutte le produzioni agroalimentari certificate ed è rapportabile anche agli scaglioni di reddito, così da favorire le famiglie che hanno meno risorse”.

“Una simile ‘riformina’, che potrebbe essere realizzata anche come azione a se stante a partire già dal prossimo anno, non solo accrescerebbe la capacità di spesa dei cittadini, ma si tradurrebbe in un aumento del valore del reddito agricolo orientato alle produzioni certificate, che costituiscono la forza del Made in Italy in generale, e del Made in Veneto in particolare, contrastando in maniera intelligente con le produzioni identitarie e di territorio la prepotenza di una mondializzazione cieca e senza sicurezze. In più daremmo sicuramente una mano all’abitudine per una corretta e sicura alimentazione, della quale sono certo che vedremmo gli effetti sulla nostra salute e sulla relativa voce di spesa”.

“Ci siamo battuti per l’etichettatura, stiamo lottando per sapere dove vanno a finire le produzioni provenienti dall’estero – ha concluso Manzato – e con la detraibilità della spesa a denominazione e tipica daremmo un’ulteriore sostegno alla tracciabilità in tutta la filiera. E basterebbe una piccola modifica agli scontrini fiscali, da conservare come si fa per le spese sanitarie, dichiarando il totale dei prodotti certificati tra le spese detraibili”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta