Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Rilevamento Istat: Politica, no grazie.

Postato da on mar 12th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

no-politicsQuanto si parla e ci si informa di politica in Italia? A dircelo è un’indagine condotta dall’istituto Nazionale di Statistica, che prima di parlare dei dati spiega come ci si possa occupare di politica in diversi modi, con una partecipazione diretta, o semplicemente informandosi e parlandone. Il primo dato di particolare rilevanza è quello che indica una percentuale più alta di chi si informa sull’argomento, rispetto a chi ne discute, sembra infatti che sia più usuale leggere ed informarsi che parlarne. C’è da chiedersi se le persone, di fronte a certe cose, siano rimaste senza parole. Altro dato interessante, è un dato di genere, che evidenza come le donne siano più distaccate rispetto agli uomini su questi temi; il divario diminuisce in proporzione al grado di istruzione più elevato o alla posizione lavorativa più prestigiosa. Questo scompare quasi del tutto nelle fasce di età che vanno dai 14 ai 17 anni, anche se c’è da aggiungere che sia i giovani che le persone anziane, fatto salvo la vigente classe politica, sono quelli che si informano e parlano meno di politica. Oltre ad una differenza di genere, il rilevamento evidenzia anche un gap territoriale tra Nord e Sud in termini di informazione, le regioni dove ci si aggiorna di più sono quelle del Nord Italia, a differenze di quelle del Sud, dove per altro si registra la percentuale più alta di persone che non parlano mai di politica, sarà per questo che al Sud, mediamente, la gente è meno stressata? Per finire, uno dei mezzi di comunicazione principale, in molti casi l’unico, è la televisione, con il 93,5 % è la portavoce ufficiale della “libera” informazione. Il quadro che emerge da questo sondaggio è l’ espressione di una società che, da una parte non ha più alcun interesse né a informarsi, né tanto meno a partecipare direttamente alla vita politica, il 66,4 %, e dall’altro ha perso la fiducia nell’attuale classe dirigente, il 24,8 %.

Fonte: Istat


Leggi Ancora

Lascia una risposta