Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Ritorno al Gold Standard

Postato da on mar 14th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Dallo Utah sta partendo una corsa ai ripari per salvaguardare, dicono i rappresentanti politici implicati, il potere d’acquisto dei cittadini. Entrando più nel dettaglio si tratta di una proposta di legge approvata quasi in via definitiva, volta ad immettere nel mercato una valuta statale alternativa al dollaro (in monete d’oro e d’argento), sebbene la Costituzione degli Stati Uniti vieti ai singoli Stati di battere moneta.  Visto che i metalli preziosi hanno mantenuto il loro potere d’acquisto, alcuni esponenti del Tea Party hanno pensato di porre rimedio alla continua svalutazione del dollaro attraverso questa misura. La proposta ha già fatto il giro di numerosi Stati, che hanno presentato analoghe leggi ai rispettivi parlamenti. Sembra proprio che gli Usa vogliano fare un passo indietro di ben 40 anni, fino al 1971 infatti, il valore di ciascuna moneta veniva stabilito in base alle riserve d’oro detenute da ciascuno  Stato, vigeva il Gold Standard, nel 1971 a causa di una crisi economica internazionale si passa invece al Dollar Standard, misura che ha inevitabilmente ha accelerato la crescita del tasso di inflazione della  moneta americana. “Per tornare ad un sistema monetario sano, non c’è via migliore che restituire il potere monetario ai singoli Stati” ha dichiarato l’avvocato Larry Hilton che sembra avere molti sostenitori, infatti ad aver presentato disegni di legge analoghi sono già: il Colorado, la Georgia, il Montana, il Misuri, l’Indiana, l’Iowa, New Hampshire, Oklaoma, South Carolina, Tennessee, Vermont e Stato di Washington.

Fonte: peacereporter.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta