Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Scienziati britannici scoprono la vita aliena

Postato da on set 18th, 2013 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Un gruppo di scienziati britannici guidato dall’astrobiologo Chandra Wickramasinghe sostiene di aver scoperto la vita aliena grazie ai frammenti di meteoriti raccolti durante lo sciame meteorico di Perseidi. Gli scienziati hanno catturato dei piccoli organismi biologici che credono possano provenire solo dallo spazio.

Chandra Wickramasinghe, noto professore e astrobiologo, sostiene insieme al suo gruppo di scienziati britannici di aver scoperto la vita aliena. Durante lo sciame meteorico di Perseidi il gruppo di scienziati ha raccolto frammenti di meteoriti insieme a Chandra Wickramasinghe, riconosciuto come il co-sviluppatore della teoria della Panspermia, che suggerisce che l’universo abbonda di vita e i meteoriti spargono “semi della vita” da un pianeta all’altro.

Scienziati britannici e vita aliena

Il gruppo di scienziati dell’Università di Sheffieldha trovato delle alghe microscopiche e due organismi sconosciuti biologici, microscopici e complessi. Hanno presentato le loro scoperte il mese scorso nella conferenza sugli strumenti, metodi e missioni dell’astrologia tenuta a San Diego.

Chandra Wickramasinghe ha riferito al Daily Mail che nel passato non era stata mai scoperta l’esistenza di entità biologiche di questa natura nella stratosfera.

Gli scettici sostengono che questi campioni biologici potrebbero provenire dalla terra e semplicemente sarebbero state trasportate in qualche modo nella stratosfera. Ad ogni modo, il Dottor Chandra Wickramasinghe ritiene che le entità che hanno trovato hanno una massa troppo consistente da rendere possibile un simile trasferimento. Il dottore ritiene che attualmente, con i mezzi che abbiamo a disposizione, non sarebbe possibile trasportare simili granelli dalla Terra nella stratosfera, se non con una violenta erosione vulcanica. La mancanza di mezzi per sollevare queste entità biologiche dalla terra alla stratosfera è una prova a favore della tesi che questi devono necessariamente provenire da oltre la stratosfera.

Chandra Wickramasinghe ha già affrontato le controversie legate alla questione. In passato ha pubblicato un articolo alla rivista di cosmologia sostenendo che il meteorite trovato in Sri Lanka poteva essere considerata una prova di vita extraterrestre.

Gli scettici in questo caso hanno sostenuto che Chandra Wickramasinghe è troppo incline a sostenere la sua teoria della Panspermia, e che le prove di vita trovate sull’asteroide avrebbero potuto essere anche originate dalla terra.

Per approfondimenti sull’argomento, leggere anche:

Riccardo Protani: “Gli alieni potrebbero già comunicare con noi con tecnologie sconosciute”

C’è vita nell’universo? Sono miliardi i dollari spesi dall’umanità per dare soddisfazione a questa domanda

Il Vaticano si apre alla possibilità di una vita aliena


Leggi Ancora

Lascia una risposta