Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Sentenza Sandri, violenze nella notte Il padre: “Stato assassino. Mi deve giustizia”

Postato da on lug 15th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Gabriele Sandri

Gabriele Sandri

ROMA – “Chiederò spiegazioni ai ministri Maroni e Alfano e al capo della polizia Manganelli. Mio figlio è stato assassinato dallo Sato e ora lo Sato mi deve giustizia”. Lo ha detto il padre di Gabriele Sandri, il tifoso ucciso l’11 novembre del 2007 nell’area di servizio Badia al Pino. La definisce “una vergogna per l’Italia” la sentenza che ieri ha condannato a sei anni l’agente Luigi Spaccarotella per omicidio colposo.

“Ragazzi, state calmi”. Mentre a Ponte Milvio, nella capitale, gruppi di ultras protestavano contro la polizia, il padre di Gabriele è intervenuto alla trasmissione radiofonica Talk Radio – Voci nella notte. “E’ una vergogna – ha ribadito – come per l’omicidio Aldovrandi a Ferrara, non c’è giustizia. Adesso però è il momento di stare calmi, non dobbiamo offrire il fianco passando dalla parte del torto. Dico a tutti i ragazzi di stare calmi. Capisco la rabbia ma bisogna mantenere la calma””.

“Penso ad una grande manifestazione”. Giorgio Sandri ha ringraziato il sindaco Gianni Alemanno “per la sua dichiarazione di solidarietà e sdegno” e si è augurato “che tale dichiarazione arrivi anche dai ministri Maroni e Alfano. Comunque – ha aggiunto – penso a una grande manifestazione, magari con un milione di persone, con la quale esprimere civilmente lo sdegno per questa sentenza ingiusta”.

Firme a Napolitano per rivedere la sentenza. Nel frattempo, i genitori dell’ex tifoso laziale pensano ad “una raccolta di firme in tutta Italia da portare al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affinchè sia rivista la sentenza. Finora abbiamo avuto solo pacche sulle spalle dallo Stato, ricorreremo in appello ma non credo più nella giustizia”, ha detto Giorgio Sandri.

Scontri nella notte. Intanto a esprimere sdegno e rabbia, con momenti di tensione, sono state nella notte alcune decine di ultrà, che si erano radunati a piazzale Ponte Milvio e hanno lanciato sassi e bottiglie contro un contingente della polizia che passava in quel momento. Lo stesso gruppo, poco dopo, ha lanciato alcuni petardi e altri sassi contro la stazione dei carabinieri di Ponte Milvio, a poca distanza dal piazzale.

Due arrestati. Uno dei petardi ha danneggiato un’auto e una moto parcheggiate davanti alla caserma. Due persone, di 28 e 23 anni, sono state arrestate con l’accusa di danneggiamento e resistenza: nelle loro abitazioni sono state trovate bandiere delle SS e con il ritratto di Mussolini, mazze e passamontagna. In mattinata, i carabinieri hanno eseguito numerose perquisizioni in case di ultrà della Lazio e in alcune sedi dei gruppi delle tifoserie biancocelesti, per identificare altri responsabili dei disordini della notte.


Leggi Ancora

Lascia una risposta