Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Sequestri GDF a Roma: ecco i consigli della CNA per scegliere cosmetici sicuri

Postato da on set 20th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry


Controllare l’etichetta e il contenitore, che devono indicare: nome e ragione sociale del produttore,  contenuto, scadenza, precauzioni per l’impiego, numero di lotto di fabbricazione, Paese d’origine, funzione del prodotto ed elenco degli ingredienti. Queste le regole suggerite dalla CNA di Roma per non rischiare di cadere nella truffa dei cosmetici dannosi per la salute. Come quelli sequestrati dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Roma. Ben settecentomila sono finiti nella rete dei tecnici dell’Arpa, attivati dalle Fiamme Gialle. Smalti, rossetti, lucidalabbra, ombretti e quant’altro: tutti contenenti cadmio, piombo, nichel e cromo, metalli pesanti pericolosissimi per la salute, perché veicolo di forti dermatiti allergiche. L’indagine è partita dall’analisi della filiera di distribuzione di alcuni cosmetici di provenienza cinese i cui risultati hanno messo in allerta i finanzieri del II gruppo di Ostia. Il cerchio si è stretto intorno a un grossista orientale che, forniva prodotti di bellezza a ventuno esercizi commerciali, tra Roma e il litorale, gestiti da connazionali. I cosmetici erano venduti a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato. Un primo campanello d’allarme, perché costi esageratamente bassi non possono garantire l’impiego di materie prime di qualità. Occhio poi alla promessa di miracoli: un cosmetico è necessariamente (e per legge) superficiale, e quindi non può interagire con i processi fisiologici.

Quando si acquista un cosmetico è bene poi considerare la differenza tra “ipoallergenico” e “anallergenico”: solo in quest’ultimo caso la possibilità di sviluppare allergie è del tutto azzerata, nel primo solo limitata. Per chi è attento all’aspetto etico, ci sono poi i prodotti non testato sugli animali.

“La CNA è contro l’abusivismo e la concorrenza sleale, fenomeni in forte crescita soprattutto in un contesto di crisi, e a favore di tutte le attività regolari che, con impegno e professionalità, garantiscono la sicurezza del cliente, rispettando le normative vigenti” dice Valerio Galeotti, responsabile CNA Benessere Roma.


Leggi Ancora

Lascia una risposta