Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Sesta Sinfonia: i tragici enigmi di Mahler

Postato da on gen 10th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Riparte la Stagione Sinfonica dell’Accademia dopo la pausa natalizia con un capolavoro di Gustav Mahler: la Sesta Sinfonia. Sabato 8 gennaio alla testa dell’Orchestra di Santa Cecilia (Sala Santa Cecilia ore 18.00, repliche lunedì 10 ore 21.00, martedì 11 ore 19.30), Antonio Pappano leverà la bacchetta sulla Tragica, continuando così quell’omaggio dedicato dall’Istituzione romana al compositore boemo per celebrarne i cento anni dalla scomparsa.
“La mia Sesta proporrà enigmi che potranno essere affrontati solo da una generazione la quale abbia assorbito e digerito le mie precedenti cinque sinfonie” scrisse Mahler dopo aver completato la Sesta Sinfonia, nota anche come Tragica. Per questa monumentale pagina le testimonianze della moglie Alma insistono sull’aspetto autobiografico del compositore: “Ho tentato di fissare il tuo carattere in un tema… non so se sono riuscito. Ma devi lasciarmi fare” le disse Mahler mentre lavorava al primo movimento: e in questo caso si riferiva al “tema di Alma”, pieno di slancio, che sembra a tutti i costi voler riportare in vita una felicità irrimediabilmente perduta.
La Sesta Sinfonia (1903-1905) è una delle composizioni più varie e allo stesso tempo più pervase di senso tragico. La tragicità trova un momento culminante nel celebre Finale, dove il musicista prescrive tre colpi di martello che simbolicamente abbattono “l’Eroe”, ossia il compositore stesso. Altrettanto drammatico è l’Allegro Energico iniziale, appena rischiarato da un sorprendente episodio rarefatto, quasi alpestre, nel quale il musicista fa risuonare tra gli strumenti dell’orchestra alcuni campanacci. Lo Scherzo parte da un “tono” popolaresco, quasi di Ländler che però ben presto si vela di presagi, di figure fantasmagoriche, mentre l’Andante Moderato costituisce una vera oasi lirica, contemplativa della Sinfonia.

Stagione di Musica Sinfonica 2010-2011
Sabato 8 gennaio ore 18 – Lunedì 10 ore 21 – Martedì 11 ore 19.30
Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia


Leggi Ancora

Lascia una risposta