Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Spettacolo, promessa di Berlusconi “Più risorse, ma non i 60 milioni”b

Postato da on lug 30th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

berlus_fusROMA – “Il governo deve ancora discutere della cifra esatta per aumentare i fondi per lo spettacolo (Fus)”. Lo ha spiegato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che ha poi aggiunto:”La richiesta è di 60 milioni di euro, spero di poter puntare verso quel traguardo, ma non a quel traguardo”. 

Si profila, quindi, un ripensamento del governo sui tagli e il mancato reintegro dei fondi al Fus dopo la lettera del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dopo la protesta dei lavoratori del mondo dello spettacolo. Attori, registi, macchinisti, nomi eccellenti, tra cui Verdone e Moretti, ma anche sconosciuti lavoratori della cultura e dello spettacolo erano scesi in piazza. Chiedevano almeno 60 milioni di euro, una cifra decisamente lontana dagli 8 milioni che nel decreto anticrisi si prevedeva di incassare attraverso l’utilizzo della cosiddetta porno-tax

Oggi una prima risposta, arrivata nel corso di una conferenza stampa al ministero dei Beni culturali dove con il ministro Sandro Bondi e il nuovo direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale Mario Resca, Berlusconi ha presentato le direttrici fondamentali della riforma del ministero. “Tremonti non è un mostro – ha esordito il presidente del Consiglio. “Anche a lui piacerebbe dire di sì. Dire no è difficile, ma non è lui, è la realtà dei conti che si impone”.

Rispetto al fondo unico per lo spettacolo sul quale il ministro Bondi aveva chiesto delle rassicurazioni il premier ha poi detto: “Cercheremo di aumentare i fondi per l’anno prossimo, spostandoli da altri capitoli di spesa. La somma verso cui si tenderà per quanto riguarda il Fus è di 60 mln di euro”.


Soddisfatto l’attore e deputato Pdl Luca Barbareschi: “Il premier Berlusconi non è rimasto insensibile al nostro appello in favore della cultura italiana. Anticipando che le risorse per lo spettacolo saranno reintegrate attraverso un decreto il premier assicura un po’ di respiro a tutto l’indotto, in attesa di una grande riforma che affronti il tema del più equo collocamento delle risorse e della loro destinazione alle aziende che nel settore si dimostreranno più virtuose, ma anche il tema dell’affrancamento della cultura dalla politica, oggi più che mai indispensabile”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta