Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Sviluppo cognitivo e alimentazione

Postato da on ott 24th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Alcuni ricercatori dell’Instituto de Ciencias Biomedicas dell’Università di Rio de Janeiro in Brasile ha trovato una possibile spiegazione allo sviluppo del tutto peculiare del cervello umano rispetto agli altri primati. Esiste un rapporto fra massa corporea e sviluppo celebrale, quanto più il corpo è sviluppato tanto più lo è il cervello. Tuttavia gli esseri umani hanno una struttura piuttosto esile rispetto ad altri primati come i gorilla o gli urangutan come mai?

 

Secondo gli antropologi Azevedo e Suzana Herculano – Huzel la spiegazione potrebbe trovarsi nell’alimentazione. I primati, sopratutto quelli più grandi hanno bisogno di un elevato apporto energetico e questo significa impiegare una gran quantità di tempo nella ricerca di cibo, ricerca che tuttavia potrebbe risultare ostacolata dall’esiguità delle riserve alimentari, è poi importante considerare che i cibi crudi non danno un apporto energetico elevato. Il cervello è uno degli organi che richiede il maggior impiego di calorie, secondo solo al fegato e ai muscoli scheletrici. E’ pertanto probabile che sia questa la causa della limitazione del loro sviluppo cognitivo. L’Homo erectus invece avendo imparato a cuocere i suoi pasti ha potuto limitare il tempo da dedicare alla caccia ottenendo tuttavia una fabbisogno energetico più che sufficiente ad alimentare una complessa rete neuronale come la nostra.

Fonte: Lescienze

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta