Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

“The Art of Video Games” allo Smithsonian American Art Museum

Postato da on mar 13th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

La Corte Suprema degli Stati Uniti, a giugno scorso, ha riconosciuto i video giochi una forma d’arte. Un riconoscimento importante, ha dichiarato Chris Melissinos, curatore della mostra “The Art of Video Games” allo Smithsonian American Art Museum dal 16 marzo al 30 Settembre, che celebra i primi 40 anni di questo genere d’intrattenimento.

La mostra includerà video game a schermata, cassette con interviste agli autori, le prime forme di console, e la possibilità di utilizzare i primi Joystick, e i controller delle prime PlayStation. In mostra ci saranno 80  video giochi scelti fra i più noti, e agli spettatori non sarà concessa solo la possibilità di distruggere eserciti o rubare macchine, ma anche quella di arare campi, costruire ospedali, dirigere il vento, assaporare la bellezza della natura. Il video gioco è una delle forme interattive più coinvolgenti, negli ultimi anni poi, giochi e film si sono avvicinati ed influenzati sempre di più, rendendo l’esperienza del giocatore ancora più realistica. I visitatori avranno l’opportunità di giocare a Flower, acclamato come una delle più sublimi esperienze che si possano fare in un appartamento.

Il gioco riproduce la natura a cielo aperto non dimenticando di far assaporare al giocatore tutte le esperienze visive e sonore che offre il paesaggio; l’idea dichiara – l’autore Jenova Chen –  è venuta percorrendo l’autostrada Los Angeles San Francisco, guardando le sconfinate colline e il cielo blu. Purtroppo – ha dichiarato – una fotografia non può catturare il rumore del vento o l’ondeggiare dell’erba; così ha realizzato un codice che contiene circa 200 mila fili d’erba 3 D.

Fonte: Smithsonianmag.com

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta