Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

The Hairdress, di Doris Dorrie

Postato da on feb 15th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Doris Dorrie

Doris Dorrie

Doris Dorrie produttrice di The Hanami, torna al Festival di Berlino, con una commedia classica e pittoresca: The Hairdress. La protagonista, Kathi ( impersonata da Gabriela Maria Schmeide), è una parrucchiera paffutella e simpatica dalla personalità spiccata. Nonostante la sua vita sia infarcita di problemi è la quintessenza della vitalità. E’ una tedesca dell’est, con una silhouette non invidiabile, (infatti la Schmeide è dovuta ingrassare 50 Kg per interpretare il personaggio,) ama riempirsi di fronzoli: mèches di tutti i colori e gioielli a forma di frutti. Nonostante il suo aspetto appariscente e stravagante è una donna libera da complessi che accetta con serenità l’ilarità e la perplessità che la sua figura suscita negli altri. Kathi è disoccupata, vive al decimo piano di una palazzo popolare senza ascensore, soffre di sclerosi a placche, ha perso il marito che l’ha lasciata per la sua migliore amica, ha una figlia che si vergogna di lei, e l’estetista sotto casa si rifiuta di assumerla visto l’aspetto fuori dai tradizionali canoni estetici. Ma visto il carattere estroso non si perde d’animo e decide di aprire un proprio salone di bellezza, la sua strada rimarrà piena di ostacoli, ma grazie alla sua tenacia e alla sua voglia di vivere riuscirà ad ottenere le sue soddisfazioni. Non si tira mai indietro e per guadagnare un po’ di soldi deciderà inoltre di aiutare un gruppo di Vietnamiti ad attraversare il confine, scopre di condividere con loro l’amore per i fronzoli di tutti i colori e le difficoltà di inserimento nella società.

Nonostante sia un film rivolto per diversi aspetti al pubblico tedesco, con riferimenti ironici alla vita storica del paese, Doris Dorrie ci regala un film pieno di gioia e generosità, valori universalmente validi in grado di rendere più ricca e piacevole la vita di ognuno.

Fonte cineuropa.org


Leggi Ancora

Lascia una risposta