Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Uganda, devastante carestia alimentare

Postato da on ott 22nd, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Uganda, le condizioni metereologiche hanno portato inondazioni e siccità, e queste stanno generando una fortissima crisi alimentare. I prezzi dei beni di prima necessità stanno crescendo enormemente. La FAO, agenzia specializzata delle Nazioni Unite, lo scorso mese, ha denunciato la morte di circa 20 milioni di persone a causa di questa carestia. A farne le spese sono le fasce più deboli della popolazione, le famglie costituite prevalentemente da donne, bambini e anziani, e le molte persone HIV positive. In Africa vive il 90% dei malati di AIDS, che sono curati con dei farmaci antiretrovirali (ARV) molto forti. La medicina deve essere presa dopo aver mangiato, altrimenti provoca effetti collaterali come nausea e vertigini. L’Assenza di cibo sta generando l’aggravamento della condizione di queste persone, e se non verranno immediatamente trovati dei rimedi le conseguenze potrebbero portare alla morte di tutte queste persone. Sarah Arawo, una donna di 36 anni, sposata con sette figli, è anche lei affetta dal virus. In questo periodo a causa della carestia non prende la sua medicina regolarmente, con il risultato che le sue condizioni stanno peggiorando notevolmente. Aveva otto figli, ma l’ultimo è morto poco dopo la nascita, ed un’altro ha contratto la malattia. La famiglia vive grazie allo stipendio del marito, che fà il riparatore di biciclette. Ultimamente per far fronte alla scarsità di cibo hanno venduto le capre che possedevano, ed ora non hanno più niente. Riescono a fare un pasto al giorno come la maggioranza delle famiglie che vivono nel quartiere. I disagi si moltiplicano, la malattia, la siccità, la fame, e l’alcolismo. Infatti, spiega Sarah, che il marito spende parte dei suoi guadagni per bere, aggravando ancora di più la condizione di tutta la famiglia. La situazione è drammatica e la Comunità Nazionale delle donne che vivono con Hiv/Aids sta sollecitando il governo affinché intervenga con aiuti alimentari per salvare la vita della maggior parte delle persone che vivono in questa regione dell’Uganda.

Fonte guardian.co.uk


Leggi Ancora

Lascia una risposta