Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Una exit strategy contro l’HIV

Postato da on dic 2nd, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Le recenti dichiarazioni circa l’individuazione di una cura contro l’HIV non si sono dimostrate così efficaci e promettenti come si pensava inizialmente. Tuttavia gli scienziati hanno individuato una strategia differente che testata su topi da laboratorio si è dimostrata vincente.

Il trattamento consiste nell’iniettare nelle cellule muscolari dei topi, un gene (mutazione dell’adenovirus) che attaccandosi al DNA delle cellule le riprogramma attivando la produzione di anticorpi che saranno poi diffusi nel flusso sanguigno. I vaccini sperimentati in precedenza non si sono rivelati efficaci perché il virus ha mutato, camuffato, le sue strutture esterne, impedendo agli anticorpi di riconoscerlo ed attaccarlo. L’attuale sistema invece è risultato efficace al cento per cento con un raggio d’azione prolungato. Paradossalmente il problema è proprio questo, la terapia genica una volta attivata non può essere arrestata, per cui non ci sarebbe modo di intervenire se l’organismo dovesse reagire alla produzione degli anticorpi attivando il sistema immunitario.

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta