Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Una legge matematica per addentrarsi nei misteri del cervello

Postato da on mar 31st, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Che cosa accade all’interno del cervello? Quali sono i meccanismi alla base delle interazioni neuronali? Domande alle quali il mondo della ricerca potrebbe presto dare una risposta.

Se, infatti, con l’ausilio delle più moderne strumentazioni (Tac, Risonanza Magnetica), è stato finora possibile giungere ad una visualizzazione di intere aree del cervello, rimangono tuttoggi ignote le dinamiche di funzionamento, la cui conoscenza potrebbe rivelarsi utile per mettere a punto terapie adatte al trattamento delle malattie degenaritive che coinvolgono il sistema cerebrale. Un risultato non da poco, se si tiene conto che circa il 35% di tutte le patologie ha origine nel cervello.

Il Prof. Karl Friston, del Wellcome Trust Centre for Neuroimaging di Londra, ha elaborato una teoria matematica che rappresenta un importante dato iniziale su cui poter lavorare per ricostruire le dinamiche del cervello; una semplice equazione che potrebbe, quindi, far luce sui lati ancora oscuri che sono all’origine dei disturbi neurodegenerativi e svelare il modo in cui funzionano i processi decisionali e di apprendimento dell’uomo. Il lavoro del Prof. Friston si basa sull’applicazione della teoria bayesiana ai meccanismi di funzionamento del cervello, teoria secondo la quale il cervello stesso compie costantemente delle previsioni, che poi modifica in base agli accadimenti; attraverso i dati sensoriali si ottimizzano le attività neuronali e neuromuscolari, riorganizzandosi per eliminare gli errori di previsione.

La legge matematica del Prof. Friston potrebbe, quindi, essere la prima tessera del mosaico che ricostruirà i processi interni del cervello, con benefiche conseguenze nel campo della ricreca medica.

Fonti: Molecularlab


Leggi Ancora

Lascia una risposta