Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Una proteina contro l’Alzheimer

Postato da on gen 29th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

morboSecondo l’ultimo sondaggio dell’associazione Adi, Alzheimer’s Disease International, circa 26 milioni di persone nel mondo sono affette dal morbo di Alzheimer, processo degenerativo che colpisce le cellule cerebrali conducendo progressivamente ad uno stato di incapacità. Una malattia tipicamente senile, sebbene non sia infrequente che si presenti anche prima dei sessant’anni, per la quale nei prossimi anni si potrebbe arrivare ad una risoluzione. Questa la dichiarazione del Prof. Etienne Emile Baulieu, responsabile della ricerca volta ad individuare una meccanismo in grado di agire sulla proteina Tau, la quale, preposta al buon funzionamento dei neuroni, alterandosi con l’età, manda in tilt le cellule nervose, contribuendo così ad innescare la demenza.

 Lo studio ha condotto alla scoperta di una sostanza presente nel cervello, Fkbp, che, se opportunamente stimolata,  sembrerebbe in grado di lavorare sui meccanismi di regolazione della Tau, impedendo un suo eccessivo accumulo nelle cellule nervose.

 L’obbiettivo delle prossime sperimentazioni sarà quello di trovare il modo di incrementare la produzione della proteina Fkbp, la vera antagonista dell’Alzheimer.Ancora una volta, però, l’ostacolo principale alla ricerca è rappresentato dalla carenza di finanziamenti.

L’annuncio del Prof. Baulieu, è, infatti, anche un appello rivolto a tutti coloro che siano disponibili a contribuire nel sostegno agli studi.

Fonti: ansa


Leggi Ancora

Lascia una risposta