Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Virus H1N1: i costi della vaccinazione dopo la grande paura

Postato da on gen 20th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

termometro a mercurio

termometro a mercurio

Uno dei più grandi timori dell’anno passato, l’influenza H1N1, pare esser svanito. I dati di fine 2009 sembrano essere rassicuranti: diverse analisi mostrano che il tasso di mortalità è molto più basso delle pandemie precedenti.

Solitamente, una normale influenza stagionale porta a una media di 36000 morti nei soli Stati Uniti, e circa 8000 morti all’ anno in Italia, mentre si erano previsti circa tra le 30000 e le 90000 vittime solo negli USA a causa del virus dell’influenza A.

Il Centers for Disease Control and Prevention ha monitorato, invece, come nella prima settimana di gennaio 2010, l’attività influenzale continui a diminuire negli Stati Uniti, e in generale in Europa. In Italia, i dati del sito del Ministero della Salute riportano come i casi influenzali su 1000 assistiti abbiano un incidenza solo del 1, 22, e i casi di decessi siano stati 146 di fronte ai 3560000 contagi.

Passata la grande paura, restano tuttavia gli enormi costi dell’operazione di vaccinazione. In Italia, sono 24 milioni le dosi acquistate per un totale di 184 milioni di Euro, secondo un accordo stipulato nell’ agosto scorso tra Novartis Vaccines e il governo. Di queste sono state prodotte e consegnate dieci milioni di dosi, mentre quelle usate, nonostante fossero oltre 20 milioni le persone proposte per il vaccino, sono quasi 900 mila.

Il governo italiano ha già predisposto l’invio di circa il 10% delle dosi, corrispondente a 2,4 milioni, ai paesi più poveri. Il resto dei vaccini, se rimasti inutilizzati entro al data di scadenza dei farmaci, prevista entro la fine dell’anno prossimo, verrano gettati. Gli scienziati, tuttavia, mettono in guardia su una possibile seconda ondata influenzale, forse, anche per evitare questo grande spreco.

fonti: fermailvirus.it

influweb.it

repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta