Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

World Cup 2010, come evitare zuffe aziendali

Postato da on mag 25th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

L’11 giugno si avvicina e gli italiani sono sempre più ansiosi di mettersi davanti alla Tv a guardare il campionato del mondo del loro sport preferito. Purtroppo però nonostante la grande distanza che ci separa dal Sud Africa, lo Stato si trova sul parallelo successivo al nostro, e così le partite tradizionalmente giocate di sera alla chiusura degli uffici inizieranno per noi un’ora prima del solito. Non siamo certo in Spagna dove dall’inizio della stagione estiva l’orario di lavoro viene interrotto alle 15,00 e per cui molti italiani  non giungeranno a casa in tempo per l’inizio della partita. Le nostre emittenti televisive probabilmente consce del fatto vi hanno però sapientemente posto rimedio, decidendo di caricare in streaming le partite. Ma quale effetto potrebbe avere il collegamento dei dipendenti sulle reti interne dell’azienda? Negativo. Non si tratta solo del calo di rendimento dei dipendenti i cui pensieri saranno sicuramente rivolti al continente africano più che alla pratica da sbrigare, ma anche della rete, perché un numero eccessivo di collegamenti ad internet potrebbe bloccare la connessione. Le aziende generalmente hanno un accesso centralizzato alla rete, inoltre il traffico in entrata è inviato ad ipotetiche filiali attraverso la Wan che le mette in comunicazione con il data center o sede centrale, per cui un carico aggiuntivo di connessioni potrebbe pregiudicare il corretto funzionamento del collegamento. Che soluzioni potranno adottare gli Italian Manager di fronte all’inevitabile? Una prima semplice soluzione potrebbe essere quella di vietare l’accesso ad internet, anche se non sarebbe probabilmente una soluzione ottimale visto che il web al giorno d’oggi è di vitale importanza, allora si potrebbe pensare di impedire di bloccare i processi di streaming, che tuttavia sono gli stessi degli stream real di Microsoft o Falsh, decisione che interferirebbe nuovamente con l’attività aziendale. Altra possibilità potrebbe essere quella di ottimizzare il funzionamento della rete, permettere ai dipendenti di guardare le partite in differita in determinate fasce orarie, veicolando il traffico, salvaguardando il buon andamento dell’azienda ed accontentando i dipendenti.

Fonte yahoonews.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta