Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

World Water Forum 2012: il sì di Gorbaciov a Sarkozy

Postato da on gen 9th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Gorbaciov dice sì. Il fondatore dell’Ong ambientalista Green Cross accetta l’invito del presidente francese Nicolas Sarkozy di intervenire nella sessione di alto livello del World Water Forum, il Forum Mondiale dell’Acqua, che prenderà il via a Marsiglia il 12 marzo 2012.

Premio Nobel per la pace nel 1990, Mikhail Gorbaciov loda la Francia per aver preso l’iniziativa di organizzare l’importante manifestazione internazionale incentrata sull’acqua e ringrazia Sarkozy per il suo invito.

«Condivido l’opinione del presidente Sarkozy – afferma Gorbaciov – secondo il quale la risoluzione della crisi idrica è strettamente correlata agli impegni internazionali per sconfiggere la povertà, favorire lo sviluppo e perseguire gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio».

«I legami tra le moderne sfide globali – continua il presidente fondatore dell’Ong -, in particolare il degrado ambientale, l’insicurezza e la povertà, sono al centro della missione di Green Cross».

L’obiettivo del Forum Mondiale dell’Acqua, che si terrà dal 12 al 17 marzo 2012, sarà quello di affrontare queste sfide globali nonché ricercare le soluzioni alle problematiche legate all’acqua.

Con lo stesso intento “Green Cross sarà attiva nello sviluppo di proposte per la gestione delle risorse idriche e, in particolare, promuoverà soluzioni relative ai bacini idrografici”, afferma Marie-Laure Vercambre, a capo del programma di Green Cross International sull’Acqua.

«Queste proposte – conclude Vercambre – comprenderanno il rafforzamento del ruolo delle comunità, in modo che possano farsi carico delle loro risorse d’acqua, la sensibilizzazione degli Stati sulle risorse idriche condivise e la promozione della cooperazione per i corsi d’acqua internazionali».

In questo senso, uno strumento efficace è la Convenzione Onu sui corsi d’acqua, quale riferimento giuridico globale che disciplina la gestione, l’uso e la protezione dei 276 corsi d’acqua transfrontalieri presenti nel mondo. Questi fiumi e le relative acque sotterranee sono condivisi da 145 Paesi e sui loro bacini vive il 40% della popolazione mondiale.

Convinta che tale documento rappresenti una base fondamentale per la risoluzione pacifica delle controversie inerenti la condivisione dell’acqua tra gli Stati, Green Cross negli ultimi tempi ha intensificato gli sforzi per la sua ratifica ed ha raggiunto traguardi importanti.


Leggi Ancora

Lascia una risposta