Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

L’idroscalo un nuovo tassello che si aggiunge all’emergenza abitativa?

Postato da on feb 24th, 2010 e file sotto Territorio. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Idroscalo Ostia

Idroscalo Ostia

Oggi è stata avviata l’operazione di bonifica dell’area dell’idroscalo di Ostia. Da 3 anni vengono definiti progetti di studio per la sua riqualificazione. L’operazione è stata attivata attraverso la collaborazione con le forze dell’ordine che hanno operato il trasferimento dei residenti. Si tratta di circa 400 persone che abitano negli appartamenti a rischio presenti nella zona.

Secondo quanto dichiarato dal Sindaco Alemanno l’intervento si è svolto in modo ordinato, consentendo di dare finalmente risoluzione alla problematica della sicurezza dei residenti, che hanno vissuto in strutture ciclicamente sottoposte al rischio esondazioni. Inoltre, aggiunge, il Sindaco è necessario recuperare la vocazione prettamente naturalistica della zona, attraverso la creazione di un parco che permetta di tutelare e sfruttare al meglio il patrimonio ambientale. Nonostante l’annuncio del Sindaco circa l’apertura di un tavolo di concertazione con i residenti per la definizione di una piano di recupero dell’area, i cittadini coinvolti hanno mostrato forti preoccupazioni. La demolizione era riferita unicamente a 9 baracche, che ad una perizia dei vigili del fuoco sono risultate inagibili. Tuttavia Sebastiano Ferrandu, presidente del comitato Abitanti dell’Idroscalo, manifesta l’incertezza di tutti gli abitanti, ai quali non è stata data alcuna garanzia in merito alla loro futura condizione abitativa. Anche il presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli si associa alle preoccupazione delle persone coinvolte nella vicenda, sostenendo che il progetto di riqualificazione non ha una vocazione residenziale ma solo turistico commerciale.

Fonte roma.repubblica.it, uffico stampa comune di roma


Leggi Ancora

Lascia una risposta