Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Bush censurava i ghiacciai Ecco le foto tenute segrete

Postato da on Lug 28th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

ghiacciai alaskaNEW YORK – Le foto c’erano, chiare e dettagliate. “Un metro ogni pixel”, gongola Thorsten Markus, il ricercatore tedesco volato da Brema alla Nasa per combattere la battaglia dell’ambiente: “Una risoluzione così non s’era mai vista, trenta volte superiore a quelle che avevamo a disposizione: qui si vede tutto”. Cioè non si vede più nulla, perché il ghiaccio di Barrow, Alaska, non c’è più, sparito, inghiottito da quel mare Artico che è sempre meno Glaciale per il surriscaldamento. Sì, le foto c’erano: mille immagini scattate dal supersatellite intorno a sei siti a rischio sull’Oceano. Peccato che quegli scatti praticamente storici, prova visibile del global warming, fossero stati nascosti, proibiti, censurati: proprio da quel George Bush che già aveva classificato come segretissimi altri studi sull’effetto serra, compreso quello firmato, anno 2004, dal suo stesso Pentagono.

Prendete Barrow: è il villaggio più a nord del mondo, nell’Alaska fino all’altro ieri governata da Sarah Palin, con un occhio più alle trivelle petrolifere che ai ghiacci. Quattromila anime affacciate sul nulla eterno, una stazione del servizio meteorologico nazionale che si arrampicò già alla fine dell’Ottocento, e soprattutto la base del Noaa, il National Oceanic and Atmosphere Administration. Ecco, adesso nelle foto desecretate il disastro si vede a occhio nudo: questo, luglio 2006, è l’Oceano davanti a Barrow come è apparso da che mondo e mondo, con la linea dei ghiacci all’orizzonte, e questa è la stessa foto scattata nel luglio 2007, nulla di nulla: la striscia bianca non c’è più.

Le foto, straordinarie davvero, sono state fatte spuntare dal cassetto da un’agenzia governativa, l’Osservatorio geologico degli Stati Uniti, a poche ore dall’allarme lanciato sul clima dall’Accademia nazionale delle scienze, in una mossa che si presume concordata con lo staff dell’amministrazione Obama. L’ambiente è uno dei punti forti del programma di Barack, che appena un mese fa ha sbandierato come una grande vittoria l’approvazione alla Camera del pacchetto clima, malgrado le critiche dei verdi più radical delusi dal Cap and Trade, il meccanismo di compravendita dei “diritti” (ovviamente costosi) di inquinamento. Ora per il piano si prevede però una dura battaglia al Senato, dove già il presidente ha il suo bel da fare con la riforma sanitaria.

Ma le foto nascoste e riapparse aprono anche un altro fronte di lotta: quello per la sopravvivenza della ricerca scientifica. Dice Jane Lubchenco del Noaa: “Immagini come queste ormai sono la prova che cerchiamo, ma la flotta dei satelliti spia non è stata rimpiazzata e ora rischiamo il collasso. Lottiamo in un campo di battaglia in cui l’America si presenta cieca”. In febbraio, scrive Suzanne Goldeberg, esperta di ambiente dell’inglese Guardian, un satellite della Nasa che trasportava strumenti per produrre la prima mappa dell’emissione di carbone intorno alla Terra è caduto nell’Antartico appena tre minuti dal decollo.

Non è un segnale incoraggiante. Ora nel piano di Obama ci sono 170 milioni per recuperare il gap. Per l’istituto di ricerca che lotta nei posti più impervi, come sulla trincea del nulla di Barrow, ne servono altri 390. Bush e Cheney facevano presto a risolvere il problema: bastava nasconderlo nel cassetto. Ma oggi il clima è cambiato, anche alla Casa Bianca. Peccato che insieme ai ghiacci siano spariti anche i fondi.


Leggi Ancora

Lascia una risposta