Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Covid 19 : Ich bin ein Berliner

Postato da on Set 3rd, 2020 e file sotto Cultura, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

«Ich bin ein Berliner», in italiano , «Io sono un berlinese»  è la frase pronunciata il 26 giugno 1963 a Berlino Ovest dal presidente statunitense John F. Kennedy durante il discorso tenuto a Rudolph-Wilde-Platz in occasione della visita ufficiale alla città.

Siamo in piena guerra fredda, la frase fu pronunciata con l’intento di comunicare alla città di Berlino e alla Germania stessa, seppur divisa, vicinanza e amicizia degli Stati Uniti dopo il sostegno dato dall’Unione Sovietica alla Germania Est nella costruzione del muro di Berlino, due anni prima, come barriera per impedire gli spostamenti dal blocco orientale socialista all’occidente. Un muro che ha portato a centinaia di morti nel tentativo di cittadini tedeschi di superare il muro e fuggire via dalla Germania Est. Quello di Kennedy fu un discorso memorabile: «Duemila anni fa l’orgoglio più grande era poter dire civis Romanus sum (sono un cittadino romano). Oggi, nel mondo libero, l’orgoglio più grande è dire ‘Ich bin ein Berliner.’ Tutti gli uomini liberi, dovunque essi vivano, sono cittadini di Berlino, e quindi, come uomo libero, sono orgoglioso delle parole ‘Ich bin ein Berliner!‘»

Perchè il Covid 19 e la frase di Kennedy <<Ich bin Ein Berliner?>>

Il 29 Agosto 2020 è successo qualcosa di straordinario e nello stesso tempo di terribile. Cetinaia di migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro i governi e la cosiddetta dittatura sanitaria messa in atto in questi mesi durante la pandemia dovuta ad un virus della famiglia Sars, il covid 19. E stato usato un termine per lasciare miliardi di persone rinchiuse in casa: “lockdown=confinamento“. Ma confinamento ricorda un periodo tragico della storia dell’umanità e ci riporta ai lager nazisti, dove furono rinchiuse 11.0000.000 di persone di cui 6.000.000 di ebrei. Perchè non utilizzare un termine più in linea con la civiltà umana? Altro aspetto curioso utilizzato durante la pandemia, in Italia è stato: “distanziamento sociale“. Perchè distanziamento sociale? I termini hanno significati ben precisi e chi li usa lo fa con perfetta consapevolezza dell’obiettivo che vuole raggiungere. A tal proposito, 75 anni fa uno delle peggiori belve naziste,  Hermann Goring , quando gli chiesero come fossero riusciti a dominare un popolo, quello tedesco, orgoglioso, fiero, determinato, ma un popolo umano, a renderlo disumano, rispose con un ghigno satanico: ” È stato facile, non ha nulla a che fare con il nazismo, ha a che fare con la natura umana“. Cosa vuol dire questo? Basta instillare nel popolo il virus della paura ed è possibile fargli fare qualsiasi cosa: assassinare, credere in qualsiasi cosa, accettare leggi e regole che minano le libertà individuali e collettive. Lo si può fare sia in un regime nazista, comunista ,a anche in democrazia. Basta che a monte ci siano spietati assassini che hanno progammato il futuro e aguzzini disposti ad eseguire gli ordini. Aguzzini assetati di potere, che disprezzano l’essere umano e sono disposti a tutto, usando i mezzi di comunicazione conniventi loro complici.

La dittatura del Coronavirus, dei Governi e dei media

Il 29 Agosto 2020, Robert F. Kennedy Jr., è intervenuto alla manifestazione che si è tenuta in Germania ma anche in altre nazioni e città come Londra, Zurigo, Madrid, contro <<La dittatura del Coronavirus>>.
Robert F. Kennedy è un avvocato e lotta per i diritti dei popoli e per i diritti elementari spesso calpestati come la libertà. Il suo discorso rimarrà nella storia come quello di suo zio, perchè anche questa volta Berlino è sede di una manifestazione per la libertà dei popoli contro la dittatura sanitaria e contro la paura dei popoli. Oggi pochissime persone controllano il mondo e piattaforme viste come la massima espressione di libertà diventano censori, aguzzini del potere, tranciando chi fa informazione, chiudendo canali, bannando video, chiudendo account, parlo di Facebook, Youtube, Twitter. Forse è arrivato il momento di lasciare tali piattaforme e creare ognuno di noi un proprio blog, un proprio canale e invece di utilizzare amazon per vendere i propri prodotti, crearsi un proprio canale di vendita indipendente. Queste strutture prima o poi si fonderanno e avremo una dittatura vera e propria, ma è un discorso da trattare in separata sede come i media che dovrebbero informarci e instillano notizie spesso false e paura. Pensate alcuni canali nazionali hanno dato la notizia della manifestazione di Berlino definendo i manifestanti nazisti.

Il discorso di Robert F. Kennedy Jr.

Grazie a tutti. Negli Stati Uniti i giornali dicono che sono venuto qui per parlare con 5mila nazisti. E domani confermeranno esattamente che io ero qui ho parlato con 3/5mila nazisti. Quando guardo la folla, vedo l’opposto dei nazisti: vedo persone che amano la democrazia, persone che vogliono un governo aperto, che vogliono leader che non mentano loro e che non assumano decisioni arbitrarie con il fine di orchestrare l’opinione pubblica. La gente non vuole più governanti che inventino leggi e regolamenti arbitrari per orchestrare l’obbedienza della popolazione.

Vogliamo politici che si preoccupino della salute dei nostri figli e non del profitto loro della lobby farmaceutica. Vogliamo politici che non facciano accordi con Big Pharma. Questo è l’opposto del nazismo. Guardo questa folla e vedo bandiere dell’Europa, persone con diverso colore della pelle, di ogni nazione, religione, che si preoccupano dei diritti umani, della salute dei bambini, della libertà umana. Questo è l’opposto del nazismo.

I governi amano le pandemie, le amano per la stessa ragione per cui amano la guerra, perché permette loro di avere il controllo della popolazione che altrimenti non avrebbero. Le istituzioni si stanno organizzando per orchestrare un’obbedienza imposta. Vi dirò qualcosa che per me è un mistero: tutte queste grandi e importanti persone, come Bill Gates ed Anthony Fauci, hanno pianificato e pensato a questa pandemia per decenni in modo che saremmo stati tutti al sicuro quando la pandemia finalmente sarebbe arrivata. Eppure ora che ci siamo non sembra sappiano quello di cui stanno parlando. E vanno avanti così. Diffondono numeri e non sono in grado di dirti qual è il tasso di mortalità per il Covid. Non riescono a fornirci un test PCR che funzioni realmente. Devono cambiare di continuo la definizione di Covid nel certificato di morte per farlo sembrare sempre più pericoloso. La sola cosa di cui sono capaci è aumentare la Paura.

75 anni fa Hermann Goring (politico e generale di guerra tedesco) testimoniò al Tribunale di Norimberga. Gli venne chiesto: come avete convinto il popolo tedesco ad accettare tutto questo? E lui rispose: È stato facile, non ha nulla a che fare con il nazismo, ha a che fare con la natura umana”. Puoi fare questo in un regime nazista, socialista o comunista puoi farlo in una monarchia o in una democrazia. L’unica cosa che si deve fare per rendere le persone schiave è spaventarle. E se riesci a trovare qualcosa per spaventarle riesci a farle fare qualunque cosa tu voglia.

70 anni fa, mio zio John F. Kennedy è venuto in questa città perché Berlino era la frontiera contro il totalitarismo globale. Oggi ancora lo è. Mio zio è venuto qui e ha orgogliosamente detto al popolo tedesco: “Ich bin ein Berliner”. Oggi tutti quelli che sono qui possono orgogliosamente dire un’altra volta: “Ich bin ein Berliner”.

Fatemi dire un’altra cosa: non hanno fatto un buon lavoro con la protezione della salute pubblica, ma hanno fatto un ottimo lavoro nell’usare la quarantena per portare il 5G in tutti gli Stati e per portarci verso la moneta digitale, che è l’inizio della schiavitù. Perché se loro controllano il tuo conto in banca controllano il tuo comportamento.

E vediamo tutte queste pubblicità in Tv che come slogan ripetono: “il 5G sta arrivando nella tua città, cambierà la tua vita in meglio!“.
Sono molto convincenti queste pubblicità, devo dire. Perché mentre le guardo penso: è fantastico aspetto trepidante che arrivi la tecnologia di quinta generazione perché sarò in grado di scaricare un video-gioco in 6 secondi anziché 16. È per questo che stiamo spendendo 5 trilioni di dollari per il 5G? No, il motivo è per la sorveglianza e la raccolta dati. Non è per voi o per me, è per Bill Gates, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos e tutti gli altri. La loro flotta di satelliti sarà in grado di sorvegliare ogni metro quadro sul pianeta, 24 ore al giorno. Ed è solo l’inizio, sarà anche in grado di seguirvi, ad ognuno di voi, attraverso i vostri smartphone, il riconoscimento biometrico facciale, il Gps. Pensate che ‘Alexa’ stia lavorando per voi? Lei sta lavorando per Bill Gates, spiandovi.

Dunque la pandemia è una crisi di comodo per le élite che stanno dettando le loro politiche. Gli dà la capacità di cancellare la classe media, di distruggere l’istituzione della democrazia e di portare tutta la nostra ricchezza nelle mani di una manciata di miliardari per rendere loro stessi ricchi impoverendo gli altri.

L’unica cosa che si interpone fra loro e i nostri figli è questa folla che è venuta in piazza a Berlino. Gli diremo: non cambierete la nostra libertà, non avvelenerete i nostri figli, noi vogliamo indietro la nostra democrazia.

Grazie a tutti e non smettete di lottare.

Il discorso di Kennedy ci deve portare ad una lucida e pragmatica riflessione: vincere la paura diventare persone con il cuore libero dalla paura e poi guardare con mene serena a cosa stanno combinando le lobby, la politica e agire di conseguenza in modo pacifico.

 

 


Leggi Ancora

Comments are closed